Oro, ecco perché fa fatica a brillare

Share

La quotazione dell’oro oggi si sta indebolendo a 1.275 dollari l’oncia. Come è accaduto nel 2018 il metallo giallo subisce la concorrenza del dollaro quando gli investitori vanno alla ricerca di un porto sicuro. “Dalla fine di febbraio, il dollaro più forte e i mercati azionari più solidi hanno messo un freno ai prezzi dell’oro. Lunedì scorso, tuttavia, i prezzi del metallo giallo hanno subito un rialzo dopo l’esplosione del conflitto commerciale Usa-Cina, con i due paesi che hanno aumentato reciprocamente le tariffe. Ma Il giorno successivo (martedì), i prezzi dell’oro si sono rapidamente stabilizzati dopo che Trump si è tirato indietro, chiamando la guerra commerciale un piccolo battibecco e riprendendo i colloqui con la Cina. Nel frattempo, tuttavia, sempre il presidente Trump ha anche esortato la Fed a imitare la Cina, che ha allentato la sua politica fiscale e aumentato il suo stimolo monetario, al fine di compensare i problemi economici che potrebbero essere causati da nuove serie di dazi”, sottolinea Névine Pollini, Senior commodity analyst di Union Bancaire Privée.

“Riteniamo che le attuali pressioni politiche ed economiche spingeranno le due parti almeno a gettare i semi di un accordo, molto probabilmente entro della riunione del G20 che si terrà a Osaka il 28 e 29 giugno. Una risoluzione della controversia commerciale, o almeno un accordo accettabile, aiuterebbe la Cina, che deve sostenere la sua crescita economica in tempo per il 70° anniversario della rivoluzione del 1949. Ne beneficerebbe anche Donald Trump, che presto inizierà la campagna per la rielezione e sta esaurendo le leve per rafforzare l’economia visto che sono improbabili ulteriori tagli fiscali”, aggiunge Pollini.

Continuano ad acquistare l’oro le Banche centrali, ma non gli investitori. Come ricorda Pollini: “Anche se l’aumento del prezzo non ha realmente risvegliato l’interesse degli investitori per l’oro, con un’esposizione degli Etf che è appena aumentata, alcuni governi, d’altra parte, hanno continuato ad accumulare oro. La Cina, ad esempio, lo acquista dall’inizio dell’anno per diversificare il proprio patrimonio rispetto al dollaro. Ciò dovrebbe continuare a sostenere leggermente il prezzo dell’oro”.

La conclusione a cui arriva Pollini è: “Pur continuando a ritenere che il regime monetario globale accomodante e l’attuale politica fiscale relativamente espansiva dovrebbero sostenere il prezzo dell’oro, ci aspettiamo che una potenziale risoluzione della controversia commerciale Usa-Cina sia dannosa per l’oro, eliminando una delle principali incertezze dell’anno scorso”.

Roberta Castellarin, Milano Finanza

Share
Share