MARR, Il Consiglio di Amministrazione approva il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2019

Share

Il Consiglio di Amministrazione di MARR S.p.A. (Milano: MARR.MI), società leader in Italia nella commercializzazione e distribuzione di prodotti alimentari al foodservice, ha approvato in data odierna il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2019.

Principali risultati consolidati del primo trimestre 2019 I dati economici e patrimoniali del 2019 recepiscono l’applicazione del principio contabile dell’IFRS 16, mentre i dati riferiti all’esercizio 2018 non sono stati rideterminati con l’applicazione di tale nuovo principio contabile.

I ricavi totali consolidati del periodo sono stati pari a 333,4 milioni di Euro rispetto ai 336,5 milioni del primo trimestre 2018, che avevano beneficiato degli effetti positivi della Pasqua (in calendario il 1 Aprile 2018 e quest’anno il 21 Aprile) sulle vendite alla principale categoria dei clienti dello “Street Market”.

EBITDA ed EBIT dopo l’applicazione del principio contabile dell’IFRS 16 si sono attestati rispettivamente a 17,3 e 10,7 milioni di Euro. L’IFRS 16 comporta la nuova contabilizzazione, a partire dal 1 gennaio 2019, delle locazioni che implichino il diritto di controllare l’utilizzo del bene oggetto di locazione. Gli effetti dell’IFRS 16 nel primo trimestre 2019 sono stati pari a +2,2 milioni di Euro sull’EBITDA e +0,1 milioni sull’EBIT. Nel primo trimestre 2018 EBITDA ed EBIT, che non scontavano gli effetti dell’IFRS 16, erano stati pari a 16,4 e 11,8 milioni di Euro.

Il risultato netto di periodo ha raggiunto i 6,6 milioni di Euro con un effetto dell’IFRS 16 pari a -0,2 milioni di Euro. Il risultato netto del primo trimestre 2018 era stato di 7,4 milioni di Euro.

Al 31 marzo 2019 il capitale circolante netto commerciale è stato pari a 252,8 milioni di Euro, rispetto ai 250,0 milioni della fine del primo trimestre 2018.
L’indebitamento finanziario netto, che risente per effetto dell’applicazione dell’IFRS 16 di un maggior debito per 57,5 milioni di Euro, si è attestato a 227,0 milioni di Euro, rispetto ai 186,7 milioni del 31 marzo 2018, che non scontavano gli effetti dell’IFRS 16.

Il patrimonio netto consolidato al 31 marzo 2019 è stato pari a 331,1 milioni di Euro (311,7 milioni al 31 marzo 2018).

Risultati per segmento di attività del primo trimestre 2019

Le vendite del Gruppo nei primi tre mesi del 2019 hanno raggiunto i 329,3 milioni di Euro (332,6 milioni nel 2018), con vendite verso i clienti della “Ristorazione commerciale e collettiva” (clienti delle categorie “Street Market” e “National Account”) pari a 273,4 milioni di Euro rispetto ai 276,4 milioni del primo trimestre 2018.

In particolare, la categoria dello “Street Market” (ristoranti e hotel non appartenenti a Gruppi o Catene) ha raggiunto i 198,4 milioni di Euro (199,0 milioni nel 2018) e come indicato in precedenza nel confronto con i primi tre mesi del 2018 è stata penalizzata dalla Pasqua, che quest’anno era in calendario nel secondo trimestre.
L’andamento del mercato finale di riferimento dei clienti dello Street Market, stando alla più recente rilevazione dell’Ufficio Studi Confcommercio (Congiuntura n.4, Aprile 2019), ha fatto registrare nel primo trimestre per la voce “Alberghi, pasti e consumazioni fuori casa” una crescita dei consumi (a quantità) del +1,4%.

Le vendite ai clienti del “National Account” (operatori della ristorazione commerciale strutturata e della ristorazione collettiva) si sono attestate a 74,9 milioni di Euro (77,5 milioni nel 2018).

Le vendite ai clienti della categoria dei “Wholesale” (grossisti) nel primo trimestre 2019 sono state pari a 56,0 milioni di Euro rispetto ai 56,2 milioni del 2018.

Eventi successivi alla chiusura del trimestre

In data 18 aprile l’Assemblea ha approvato la distribuzione agli Azionisti di un dividendo lordo di 0,78 Euro per azione (0,74 Euro l’anno precedente) con “stacco cedola” (n.15) il 27 maggio, record date il 28 maggio e pagamento il 29 maggio. L’utile non distribuito viene accantonato a Riserva.

In pari data, in ottemperanza all’art. 2401 comma 1 del Codice Civile l’Assemblea degli Azionisti ha provveduto ad integrare il Collegio Sindacale mediante la nomina di un Sindaco Effettivo e di un Sindaco Supplente, nel rispetto di quanto previsto dall’art. 148 del D. Lgs. n. 58/1998. Sono stati nominati: Sindaco Effettivo il dott. Andrea Foschi e Sindaco Supplente la Dott.ssa Simona Muratori.
I Sindaci nominati scadranno dalla carica unitamente agli altri componenti del Collegio e pertanto alla data dell’Assemblea convocata per l’approvazione del bilancio al 31 dicembre 2019.

Si segnala in ultimo che il Collegio Sindacale tenutosi in data odierna ha valutato l’indipendenza dei Sindaci nominati dall’Assemblea dello scorso 18 Aprile e ne ha dato informazione al Consiglio di Amministrazione.

Evoluzione prevedibile della gestione

Le vendite alla principale categoria dei clienti dello Street Market nei primi quattro mesi hanno fatto registrare una crescita del +4,0% e riposizionano le vendite ai clienti della “Ristorazione commerciale e collettiva” (clienti delle categorie “Street Market” e “National Account”) alla fine dei primi quattro mesi in linea con gli obiettivi di crescita per l’anno.

Share
Share