Fca, nuovi investimenti in Canada ma occhio agli Stati Uniti

Share

Nuovi investimenti per 355 milioni di dollari in Canada da parte di Fiat Chrysler  Automobiles. Ieri Fca  Canada ha annunciato che impiegherà 355 milioni di dollari nello stabilimento di Windsor in Ontario nei prossimi 12 mesi. L’impianto produce i modelli Chrysler  Pacifica e Dodge Grand Caravan, ma interromperà l’ultimo minivan a causa degli standard di risparmio di carburante.

Lo scorso 29 marzo Fiat Chrysler  ha, infatti, annunciato il taglio di 1.500 posti di lavoro a seguito dello stop della produzione del Dodge Grand Caravan nel 2020. “Sembra che Fca  possa introdurre una versione integrale della Pacifica e far rivivere il modello Voyager come nuovo, un minivan a un costo più basso per sostituire il Caravan”, affermano gli analisti di Banca Akros.

“Stimiamo che la Pacifica possa costare 2 miliardi di euro. Fca  intende massimizzare l’investimento nello stabilimento di Windsor poiché la piattaforma Pacifica offre molte opzioni. Comunque, riteniamo la notizia neutrale e manteniamo il rating neutral e il target price a 16 euro sul titolo Fca” che al momento in borsa scende dell’1,69% a 14,45 euro.

I principali produttori di automobili sono ottimisti sulle prospettive dell’economia americana e sulle vendite di auto, ma resta un grande punto interrogativo: il presidente, Donald Trump, imporrà dazi fino al 25% sulle importazioni di auto e componenti auto? L’intero settore è in “modalità wait-and-see”, ma le tariffe sarebbero una pessima idea, ha detto a Reuters Bob Carter, responsabile delle vendite negli Stati Uniti presso Toyota Motor Corp.

Tali tariffe avrebbero un impatto più pesante sui prezzi delle auto e sui consumatori rispetto alle precedenti tariffe imposte su acciaio e alluminio, costate alle case automobilistiche di Detroit, General Motors e Ford Motor, 1 miliardo di dollari ciascuna. Fiat Chrysler  Automobiles ha dichiarato che potrebbero aggiungere fino a 350 milioni di dollari di costi quest’anno.

Trump dovrebbe prendere una decisione entro metà maggio. Joe Eberhardt, amministratore delegato di Jaguar Land Rover North America, ha affermato che dazi del 25% su tutti i veicoli importati costerebbero alla compagnia “miliardi”. “Speriamo solo che la ragione prevalga”, ha detto. In una conferenza tenutasi davanti al salone dell’auto di New York questa settimana, il capo economista degli Stati Uniti di IHS Markit, Joel Prakken, ha previsto per quest’anno vendite di veicoli nuovi a 16,8 milioni di unità, in calo di circa 500.000 unità rispetto al 2018, ma ancora storicamente elevate.

Tuttavia, i dazi potrebbero ridurre le vendite di altri 2 milioni di veicoli e ridurre tra 0,5 e 0,75 punti percentuali il prodotto interno lordo degli Stati Uniti, ha osservato. “Sarebbe orribile per l’industria automobilistica, per i consumatori e per l’economia degli Stati Uniti economia”, ha commentato Fred Diaz, amministratore delegato degli Stati Uniti di Mitsubishi Motors Corp.

Ad esempio, Bob Carter, responsabile delle vendite negli Stati Uniti presso Toyota Motor Corp, ha dichiarato che il 72% delle parti della berlina Camry prodotta da Toyota nel Kentucky proviene da fornitori Usa, ma il 28% viene importato. Dazi del 25% provocherebbero un aumento del prezzo dell’auto di 1.800 dollari. “Non esiste un veicolo al 100% degli Stati Uniti”, ha detto a Reuters Carter. Secondo le stime del settore, tariffe elevate potrebbero aggiungere una media di 4.000 dollari al prezzo di un’auto nuova.

Francesca Gerosa, Milano Finanza

Share
Share