Saliscendi / LaVerità

Share

di Cesare Lanza per LaVerità

Zuzana Caputova

Prima donna presidente in Slovacchia, la Caputova con il 58% , ha battuto l’eurodeputato Maros Sefcovic Quarantacinque anni, ex vicepresidente del piccolo partito Slovacchia progressista, l’elezione di Zuzana rompe il fronte di Visegràd. Divorziata e madre di due figlie, avvocato, liberal ed ecologista, è entrata in politica nel 2017 dopo una lotta contro una discarica illegale.

 

 

Jim Carrey

La polemica tra Jim Carrey e Alessandra Mussolini è esplosa all’improvviso, via social. L’attore americano ha postato su Twitter Benito Mussolini e Claretta Petacci appesi a testa in giù a piazzale Loreto. Pessimo gusto, stile riprovevole. «You are a bastard», ha risposto Alessandra Mussolini, nipote del Duce. Una che, se provocata, non si risparmia mai.

 

 

Charles Leclerc

Leclerc è stato beffato dal motore della Ferrari, e Lewis Hamilton si è aggiudicato il Gran premio del Bahrain, seconda prova del Mondiale di Formula 1. A Sakhir, la rossa ha deluso, il giovane ferrarista, terzo, assolutamente no. Senza guasti al motore avrebbe dominato: partito in pole position, era in testa a dieci giri dalla fine. In ogni caso, è l’idolo dei tifosi.

 

 

Luciano Spalletti

L’allenatore dell’Inter ci ricasca: prima 0 poi non riesce a gestire con buon senso gli equilibri della squadra. Alla Roma aveva mortificato Francesco Totti, obbligandolo di fatto all’addio. Quest’anno ha umiliato Mauro leardi togliendogli la fascia di capitano e non convocandolo contro la Lazio. Risultato: la Champions è in pericolo. I gol di lcardi sarebbero serviti.

 

 

Francesca Pascale

All’Assemblea di Forza Italia, in prima fila, c’sra anche Francesca Pascale, che sul ritorno in campo di Silvio Berlusconi, dal 2012 suo compagno, ha commentato: «Fi non ce la fa senza Silvio. Affanna. Non sono tanto d’accordo, mi piacerebbe godermelo di più», ha scritto il Fatto, sempre ostile al Cav. La schiettezza – sentimentale e politica – è stata apprezzata.

 

.,

Jean-Claude Juncker

Non si sa se sia più riprovevole lui o se sia più indisponente Fabio Fazio. Al conduttore di Che tempo che fa non è bastata l’intervista in ginocchio a Emmanuel Macron. Ha concesso il bis. Ma Fazio è un conduttore, o – strapagato! – il portavoce dei nemici dei gialloblù? Ciò che è certo è che Juncker ha potuto attaccare l’Italia senza ritegno.

 

 

 

 

 

Share
Share