Premio Socrate, Lanza: “Premiati Wanda Nara, Marcello Foa, Lino Banfi, Salvatore Rossi, Franco Romeo, Gaetano Miccichè, Sandra Milo, Laura Cioli e Alda Merini (alla memoria)”

Share
Grande successo per Cesare Lanza che ha consegnato l’annuale Premio Socrate, un riconoscimento agli illustri personaggi che si sono distinti per il merito, tenutosi presso un noto hotel milanese. Una serata introdotta da Giorgio Dell’Arti, storico, giornalista di Vanity Fair e Il Sole24ore e fondatore del supplemento settimanale “Il Venerdì” di Repubblica.
Dopo le anticipazioni dei giorni scorsi, Lanza presenta ognuno dei vincitori del 2019, elogiando i meriti, personali e professionali, che li hanno portati ad essere insigniti del prestigioso premio: Laura Cioli, Amministratore delegato del gruppo editoriale Gedi, che comprende testate giornalistiche come L’Espresso, La Repubblica e La Stampa, un’eccellenza del settore manageriale italiano che ama stare dietro le quinte, evitando il chiasso e le polemiche; Salvatore Rossi, Direttore Generale della Banca d’Italia e Presidente dell’Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni IVASS, manager stimato a livello nazionale ed internazionale per le sue competenze e professionalità; Marcello Foa, Presidente RAI, scrittore e giornalista; Lino Banfi, celebre attore, nominato recentemente Commissario UNESCO che, nonostante le frettolose polemiche, svolgerà, con professionalità e competenza, il compito che gli è stato affidato; Wanda Nara, moglie e agente di Mauro Icardi, per essersi fatta valere come donna in un mondo prettamente maschile, ignorando le chiacchiere che, più di una volta, l’hanno seguita; Sandra Milo, attrice e conduttrice televisiva, vincitrice del Montecarlo Carrer Award e del Premio Speciale alla Carriera di Berlino; Gaetano Miccichè, Presidente Lega Calcio e Presidente di Banca IMI; Franco Romeo, primario chirurgo presso il Policlinico Tor Vergata e Direttore della Cattedra di Cardiologia dell’Università degli Studi di Roma Tor Vergata; e ad Alda Merini, insignita di un premio alla memoria.
Il prestigioso “Premio Socrate”, fondato da Cesare Lanza, è un movimento di opinione libero, atipico ed apolitico.
Un Premio al merito in cui “i criteri sono assolutamente personali – ha dichiarato Lanza al termine della manifestazione – La libertà di mente è il più importante: le persone che agiscono secondo la loro personalità, e non secondo pregiudizi. Spesso sono proprio i pregiudizi a perseguitare alcune persone e io mi schiero subito dalla loro parte, come avvenuto anche con Lino Banfi, per le critiche che lo hanno sommerso per la nomina dell’UNESCO, come con Wanda Nara e con altri. Libertà di mente oltre i risultati ottenuti e i comportamenti” – ha concluso il maestro Lanza, fondatore del Premio.
Share
Share