Ultime dagli Usa. Hillary Clinton imbarazza Bernie Sanders: “Viaggia solo su jet privati”

Share
A breve distanza dall’annuncio della nuova campagna elettorale per le presidenziali americane del 2020, Bernie Sanders vive un momento di imbarazzo politico a causa del suo consolidato uso di aerei privati. Come si conciliano le sue battaglie contro i combustibili fossili e le diseguaglianze economiche con i 342mila dollari spesi in jet privati nei due anni successivi alla sconfitta alle primarie del 2016, quando non c’era più bisogno di attraversare rapidamente il paese?
Se lo chiedono soprattutto i suoi avversari politici più devoti, i sostenitori di Hillary Clinton che, a vario titolo, considerano il senatore del Vermont uno dei responsabili della sconfitta alle ultime presidenziali. “Mentre migliaia di volontari affrontavano il caldo o il freddo per bussare alle porte degli americani fino a farsi sanguinare le dita in un estremo tentativo di fermare Donald Trump, sua maestà Bernie Sanders si degnava di lasciare il suo ufficio di Washington o la sua nuova seconda casa al lago solo se era comodo su un jet privato come un miliardario padrone dell’universo”, ha detto a Politico Zac Petkanas, uno dei dirigenti della campagna Clinton nel 2016. “Sanders ha continuato a viaggiare in jet privato, quando necessario, solo per dare il massimo sostegno agli sforzi di Hillary Clinton”, ha ribattuto Arianna Jones, portavoce del candidato democratico.
Luciana Grosso, Business Insider Italia
Share
Share