Oro, Morgan Stanley ha chiuso la raccomandazione long

Share

Morgan Stanley ha chiuso la sua posizione in acquisto sull’oro che aveva aperto dallo scorso settembre quando il prezzo del metallo giallo ha iniziato a recuperare terreno. A metà agosto infatti l’oro ha toccato il minimo del 2018 a 1.180 dollari l’oncia e da allora è risalito fino al massimo del 20 febbraio a quota 1.345.

“L’oro ha registrato un rally significativo negli ultimi mesi, muovendosi verso quota 1.350 dollari. Nel frattempo il sentiment favorevole nei suoi confronti si è fatto notevolmente breccia sul mercato”, ha spiega Morgan Stanley. La soglia dei 1.350 viene tenuta in considerazione perché è un livello che l’oro ha ripetutamente fallito di superare. Negli ultimi cinque anni lo ha oltrepassato, e di poco, soltanto a inizio 2014, a metà 2016 e poi a inizio 2018, ma non è mai andato tanto oltre (è rimasto comunque sotto i 1.400 dollari).

L’investment bank nota che la corsa dell’oro a partire dalla scorsa estate è stata spinta dalle speranze di un atteggiamento più espansivo della Fed. “Ma con i mercati ora posizionati per tagli dei tassi di interesse negli Usa soltanto a fine 2020, ci domandiamo quanto questo catalizzatore possa aiutare ulteriormente”, afferma.

Quindi per Morgan Stanley l’oro non è più un top trade. “Si può trovare un miglior rapporto rischio-rendimento nel posizionarsi puntando su un indebolimento del dollaro. E tra le commodity il rame sembra ora la migliore scelta”.

Il target price di fine anno di Morgan Stanley vede l’oro a 1.350 dollari, quindi c’è poco spazio rispetto ai livelli attuali. A settembre Morgan Stanley era positiva sull’oro perché prevedeva “un dollaro più debole e tassi Usa non in aumento, in una fase in cui il prezzo del metallo era basso e il sentiment degli investitori nei suoi confronti era rimasto negativo per i primi tre trimestri del 2018 sulla scia dei timori che i continui rialzi dei tassi da parte della Fed lo avrebbero reso meno attraente. Con i questi ultimi due fattori, ovvero prezzi bassi e sentiment negativo, che ora non sono più presenti, crediamo che sia meglio puntare direttamente su tassi e dollaro”, spiega la banca Usa che continua a ritenere che la valuta Usa resterà sotto pressione e il costo del denaro negli Usa per ora non salirà.

Ma Morgan Stanley è pronta anche a modificare questa visione prudente sull’oro. “Il metallo sta vivendo un momentum favorevole e se riuscisse a superare la soglia dei 1.350 dollari in modo sostenibile, potremmo rivedere il nostro giudizio”, ammette.

Paola Valentini, Milano Finanza

Share
Share