Rainbow MagicLand, arriva un piano da 40 milioni per il parco di divertimenti

Share

Un unico azionista di riferimento, Pillarstone Italy, e un piano di investimenti da 40 milioni. Rainbow MagicLand, il parco di divertimenti più grande di Roma con sede a Valmontone, ha perfezionato ieri l’operazione finanziaria siglata il 21 dicembre che permetterà un rilancio delle attività e del business.

Pillarstone Italy, piattaforma fondata nel 2015 per supportare le banche italiane nella gestione di asset non core, ha designato Guido Zucchi come nuovo ceo di Rainbow MagicLand spa. Il manager ha un’esperienza di oltre 10 anni nel settore parchi divertimento, maturata nel colosso mondiale Parques Reunidos dove ha ricoperto la posizione di direttore della divisione parchi divertimenti Europa (9 parchi) e ultimamente di direttore generale di un importante parco tematico, ispirato a Hollywood, inaugurato a Dubai negli Emirati a dicembre 2016. «Il piano industriale sviluppato da Pillarstone Italy, di cui seguiranno a breve tutti i dettagli, permetterà un ulteriore rinnovo ed ampliamento dell’offerta e dei contenuti e convertirà il parco, già dalla prossima stagione 2019, in una destinazione imperdibile per grandi e piccini», ha spiegato Zucchi.

Il perfezionamento dell’operazione che permetterà il rilancio del Parco, fa seguito alla sigla di un complesso accordo di ristrutturazione del debito con Rainbow MagicLand spa, gestore del parco divertimenti, gli azionisti e le banche, e prevede una ricapitalizzazione e una significativa conversione di debito in capitale. Gli investimenti saranno realizzati in più fasi, nel corso dei prossimi 4 anni, e permetteranno un importante incremento dell’offerta e un potenziamento di prodotto. Rainbow MagicLand aprirà il 19 aprile per la stagione 2019 con rinnovamenti su più fronti, non solo potenziando l’offerta del parco, con aree interamente ridisegnate, nuove attrazioni, aree giochi e spettacoli, ma anche con un sostanziale rinnovo dei servizi e delle infrastrutture a disposizione degli ospiti.

Gli advisor legali che hanno assistito le parti sono stati: per Pillarstone, DLA Piper; per le banche, Molinari e Associati e per la società, Mendolia & Partners.

«In meno di tre anni abbiamo fatto grandi progressi nello sviluppare la piattaforma fino alle dimensioni attuali», ha dichiarato Gaudenzio Bonaldo Gregori, country manager di Pillarstone Italy. «Rainbow MagicLand è una realtà unica in Italia, dall’enorme potenziale che pensiamo di poter liberare grazie alle nostre competenze industriali nel settore, all’iniezione di nuovo capitale e alla collaborazione con un manager esperto come Guido Zucchi».

ItaliaOggi

Share
Share