Manovra: Tria: “Ora decisioni politiche”

Share

Il ministro dell’economia, Giovanni Tria, interverrà in commissione Bilancio della Camera questa sera “tra le sette e le otto”. Lo ha annunciato il presidente della commissione, Claudio Borghi, durante i lavori sulla legge di bilancio. La presenza del ministro era stata richiesta dalle opposizioni alla luce della trattativa con la Commissione europea che potrebbe portare ad una revisione dei saldi.

Il dialogo “va avanti”, ha detto Tria al termine dell’Ecofin, ora sono “necessari atti concreti, studiamo soluzioni varie” ma “è necessario prendere decisioni politiche”.

Ulteriore slittamento nell’aula della Camera dell’esame della manovra: dai gruppi parlamentari si apprende che la discussione generale avrà inizio alle 20. Era stata, precedentemente, fissata per le ore 14. In Transatlantico si ipotizza che la fiducia possa essere posta giovedì mattina.

Nella notte via libera della commissione Bilancio all’introduzione di livelli minimi e massimi per l’indennizzo delle vittime di reati violenti e assegna 10 mln l’anno fino al 2021 per le vittime di usura. “Per le vittime di reati violenti – aggiunge l’emendamento – l’indennizzo per ciascun avente diritto è del 50% dell’importo liquidato dal giudice con un tetto massimo di 50 mila euro. L’indennizzo sarà corrisposto nella misura di 40mila euro nel caso risulti ignoto l’autore del reato o nel caso non sia stata chiesta una provvisionale in sede penale”.

La carta d’identità elettronica potrà essere richiesta anche alle Poste con l’obiettivo di accelerare le procedure laddove risultino ritardi di mesi (come a Roma). Lo prevede un emendamento alla manovra approvato in commissione Bilancio. Il Viminale potrà stipulare convenzioni “con soggetti dotati di una rete di sportelli diffusa su tutto il territorio nazionale che siano Identity provider e che abbiano la qualifica di certification authority accreditata dall’Agenzia per l’Italia digitale”. In pratica Poste, spiega il sottosegretario Massimo Garavaglia.

Via libera della commissione Bilancio della Camera all’incremento del tempo pieno nella scuola primaria, previsto da un emendamento alla legge di bilancio. Le modalità dell’aumento saranno stabilite con decreto del ministro dell’istruzione entro 60 giorni dall’entrata in vigore della legge. Per assicurare l’allungamento di orario è autorizzato un aumento di spesa “corrispondente a 2.000 posti aggiuntivi”. Il costo della misura è di circa 24 milioni di euro nel 2019, crescenti gli anni successivi

SALTA FONDO RISERVATO ALL’ASSISTENZA SANITARIA A MIGRANTI – Le proposte di modifica si concentrano così sui capitoli più diversi e spesso su norme settoriali.

SALTA VINCOLO SUI FONDI PER CURARE I MIGRANTI – Dal 2019 le Regioni potranno spendere anche per altri scopi i fondi, circa 30 milioni, finora vincolati a garantire l’assistenza sanitaria agli stranieri non iscritti al Servizio sanitario nazionale. La proposta dei relatori non è stata ancora votata. Ma, assicura il M5s, non c’è “volontà di sottrarre fondi: rispondiamo a una richiesta delle Regioni di non perdere risorse non utilizzate”. STOP A SCUDO BANCHE – I cittadini truffati potranno fare causa agli istituti di credito anche se otterranno il risarcimento. L’emendamento è stato votato da tutti i partiti.

STRETTA SPOT SCORRETTI SANITÀ – Stop a “qualsiasi elemento di carattere promozionale o suggestionale” negli spot di strutture sanitarie private, incluse le società di odontoiatri.

SANZIONI CONTRO LAVORO NERO – Aumentano, dal 10% al 20%, le sanzioni per violazioni in materia di lavoro.

STRETTA SU ORARI SLOT, CONTROLLO AI COMUNI – Grazie all’informatizzazione sarà più facile per i comuni controllare gli orari di funzionamento di slot e vlt. Sì anche a stabilire criteri omogenei proprio sugli orari in tutta Italia.

CAMERE COMMERCIO, OK A ASSUNZIONI – Dal primo gennaio, e fino al completamento delle procedure di mobilità, potrà essere assunto nuovo personale. Il tetto di spesa corrisponde ai risparmi per le uscite.

VERSO AUMENTI PER IPER-AMMORTAMENTO – I relatori chiedono di aumentare l’iper-ammortamento per gli investimenti fino a 2,5 milioni di euro al 280%.

LSU, NORMA IN SENATO – Il ministero del Lavoro conferma che sarà presentato al Senato l’emendamento che consentirebbe ai Comuni di avviare percorsi di stabilizzazione di lavoratori

LSU. INCENTIVI PER CONDUCENTI AUTOTRASPORTO – Arriva un rimborso del 50% delle spese sostenute per la patente e delle abilitazioni professionali per la guida dei veicoli. L’incentivo sarà dato dalle imprese, che a loro volta potranno detrarre fino a 3 mila euro per ciascun periodo d’imposta.

FONDO PER MINORANZE CRISTIANE PERSEGUITATE – Due milioni l’anno nel biennio 2019-2020 per finanziare interventi messi in campo dalla cooperazione italiana allo sviluppo.

25 MILIONI A AEROPORTO REGGIO CALABRIA – Le risorse in due anni servono a ristrutturare e mettere in sicurezza l’aeroporto. FONDI PER G20 – Arrivano 39 milioni in 4 anni “per le attività logistico-organizzative” del G20 in Italia.

SCONTI FISCO PER CANI GUIDA – Arriva una detrazione “forfettaria” di 1.000 euro per sostenere le spese “dei non vedenti per il mantenimento dei cani guida”.

VERSO OK FONDI MOBILITÀ DISABILI – Un nuovo, accorato, appello in commissione Bilancio della Camera, del deputato M5S Matteo Dall’Osso, che ha raccolto le firme anche delle opposizioni, per ottenere un fondo ad hoc per la mobilità e l’accessibilità per le persone con disabilità. Appello che alla fine ottiene la promessa del governo di “un accantonamento in previsione di poter dare una risposta favorevole”.

ANSA

Share
Share