Generali, piano in tre pilastri per recuperare terreno sui concorrenti

Share

Il gruppo assicurativo presenta il suo programma triennale. Utili e dividendi in crescita: il pay-out sale al 55-65%, debito in calo. Donnet: “Stretegia ambiziosa

Assicurazioni Generali riscrive la strategia triennale e prevede un aumento degli utili per azione al tasso annuo composto del 6-8%, dividendi in crescita (con una distribuzione tra il 55% e il 65% degli utili), e un rendimento medio per gli azionisti superiore all’11,5% del capitale. La filosofia del piano, approvato dal cda, è “fare leva sui punti di forza per accelerare la crescita”, dopo che negli ultimi anni la compagnia triestina si era focalizzata sulla ristrutturazione finanziaria e, prima, operativa. Positiva la reazione sul mercato, con il titolo in buon rialzo in mattinata,

Diventare partner di una vita dei clienti.
Come riporta una nota interna, Generali punta a “diventare life-time partner per i clienti, offrendo soluzioni innovative e personalizzate grazie a una rete distributiva senza uguali e a essere leader del mercato assicurativo europeo per i privati, i professionisti e le pmi, creando allo stesso tempo una piattaforma di asset management globale e focalizzata, e perseguendo opportunita’ nei mercati ad alto potenziale”.

Finanziare opportunità di crescita nei momenti chiave.
Il piano, comprensibilmente, non menziona acquisizioni di società all’esterno, che pure sono da tempo sotto osservazione, per aumentare la dimensione e il posizionamento del gruppo rispetto ai concorrenti, ormai tre-quattro volte più grandi quanto a capitalizzazione. Ma un passaggio delle dichiarazioni dell’ad Philippe Donnet ricorda che “Generali continuerà a concentrarsi sulla generazione e gestione del capitale per finanziare opportunità di crescita nei mercati chiave e guidare l’innovazione e la trasformazione digitale ovunque operiamo”. Il manager francese ha aggiunto che “Generali 2021 è una strategia ambiziosa per accelerare la crescita del gruppo e offrire elevati rendimenti e ai nostri azionisti. Il principale obiettivo è quello di diventare life-time partner dei nostri clienti, offrendo soluzioni innovative e personalizzate grazie a una rete di distribuzione che non ha uguali”.

Tre pilastri per recuperare terreno in Europa.
Il nuovo piano strategico per rilanciare Assicurazioni Generali, e riavvicinarla alle rivali europee di sempre Allianz, Axa e Zurich Financial, si basa come nelle indiscrezioni di questi ultimi mesi su tre pilastri. Il primo riguarda la crescita di ricavi e utili rafforzandosi nelle geografie e nei business a maggiore potenziale: consolidare le posizioni di leadership in Italia e Germania, proseguire la ristrutturazione in Francia, investire in segmenti in crescita come “Est Europa, salute, benefits, assistenza”, e nei mercati ad alto potenziale come Asia e America Latina, oltre allo sviluppo di una piattaforma globale nel risparmio gestito. Tutti ambiti in cui la crescita degli utili composta annua è stimata nel triennio tra il 15% e il 25%. Il secondo pilastro riguarda la disciplina finanziaria, che consentirà di generare oltre 10,5 miliardi di capitale tra il 2019 e il 2021. Le strade qui saranno: aumentare la quota di prodotti Vita a basso assorbimento di capitale, accrescere i proventi da commissioni e le attività nei rami Danni, Health e Protection, attuare un’allocazione proattiva del capitale per massimizzare il rendimento del capitale investito, aumentare le rimesse di cassa alla holding (del 35%), e ridurre il debito fino a 2 miliardi, con fino a 140 milioni di oneri finanziari in meno al 2021. Il terzo pilastro riguarda l’innovazione e la trasformazione digitale, con 1 miliardo di investimenti in iniziative strategiche interne nel triennio, per espandere l’assistenza e la consulenza ai clienti e lanciare una piattaforma europea per la mobilità, digitalizzando il modello operativo.

Andrea Greco, La Repubblica

Share
Share