Borsa, non è buon lunedì per l’Europa

Share

Borse europee poco mosse prima dell’avvio dell’Eurogruppo, che avrà come piatto forte la manovra italiana. Piazza Affari è la Borsa peggiore del Vecchio Continente con il Ftse Mib che cede lo 0,4%, appesantita dalle vendite sulle banche dopo un report di Goldman Sachs, mentre Londra, Francoforte e Parigi si mantengono sulla parità. Lo spread btp-bund si allarga di 4 punti base, a quota 293, sulla scadenza decennale mentre registra qualche tensione in più sui due anni (+8 punti). Debole l’euro che scende a 1,138 sul dollaro, rafforzato dai solidi dati sull’occupazione americana di venerdì, coerenti con il percorso di stretta dei tassi della Fed. Si rafforza invece la sterlina, a 1,1144 sull’euro, con gli investitori che si aspettano passi avanti sul fronte della Brexit dalla riunione che Theresa May terrà domani con il suo governo. Poco mossi anche i future su Wall Street in attesa, sempre domani, delle elezioni di midterm Usa, considerate un referendum sulle politiche di Donald Trump.

Asia in rosso, dubbi su accordo rapido tra Usa e Cina  – Seduta in rosso per le Borse asiatiche che ridimensionano l’ottimismo per un accordo commerciale tra Usa e Cina dopo che venerdì i segnali di distensione lanciati da Washington avevano messo le ali ai listini dell’area. Tokyo ha perso l’1,55%, Seul lo 0,9%, Sydney lo 0,5, Shanghai lo 0,4% mentre Shenzhen ha ceduto lo 0,01%. Maglia nera per Hong Kong che, a scambi ancora in corso, scivola del 2,2%. A raffreddare gli entusiasmi per una rapida fine della guerra commerciale ci ha pensato il consigliere economico della Casa Bianca, Larry Kudlow, che ha escluso un’intesa imminente. Il rendimento dei titoli di Stato americani resta attorno al 3,2% dopo che i buoni dati sull’occupazione Usa di venerdì hanno confermato la strada di una stretta sui tassi. Ne risente anche l’euro, che scende poco sotto 1,14 sul dollaro nel giorno in cui l’Italia dovrà affrontare le critiche dell’Eurogruppo sulla manovra. Poco mossi i future sulle Borse europee, deboli quelli su Wall Street.

ANSA

Share
Share