Eni-Saipem, assolto Scaroni per le tangenti in Algeria

Share

Paolo Scaroni

Si salvano l’Eni e i suoi manager, ma soccombe la controllata Saipem nel processo per il caso delle presunte tangenti pagate all’ex ministro dell’Energia algerino e al suo entourage in cambio di appalti per lo sfruttamento di giacimenti petroliferi nel Paese africano. Come a dire che una società non poteva sapere quello che faceva l’altra, sebbene sua controllata. Il Tribunale di Milano ha infatti assolto l’ex ad di Eni e attuale presidente del Milan Paolo Scaroni e Antonio Vella, manager di Eni, nonché lo stesso gruppo petrolifero italiano per la responsabilità degli enti. Il Pm di Milano Isidoro Palma aveva chiesto per Scaroni la condanna a 6 anni e 4 mesi, per Vella a 5 anni e 4 mesi e per l’Eni una sanzione pecuniaria di 900mila euro.

Gli stessi giudici hanno invece condannato l’ex presidente e ad di Saipem Pietro Tali a 4 anni e 9 mesi, l’ex direttore operativo di Saipem in Algeria Pietro Varone a 4 anni e 9 mesi, l’ex direttore finanziario prima di Saipem poi di Eni Alessandro Bernini a 4 anni e un mese e Farid Bedjaoui a 5 anni e 5 mesi, Samyr Ouraied a 4 anni e un mese e Omar Habour a 4 anni e un mese. Bedjaoui è considerato il fiduciario dell’allora ministro algerino dell’energia Chekib Khelil, Ouraied a sua volta fiduciario di Bedjaoui mentre Habour per l’accusa è il presunto riciclatore delle tangenti pagate in Algeria dal gruppo italiano. La condanna è stata decisa per l’accusa di corruzione internazionale in merito ad alcuni contratti ottenuti da Saipem in Algeria. Invece, gli stessi imputati sono stati assolti dall’accusa relativa a presunte irregolarità nell’operazione First Calgary. Saipem, imputata per la 231/2001, è stata condannata a una sanzione pecuniaria di 400mila euro e alla confisca di oltre 197 milioni di euro, considerato il valore della presunta tangente pagata in Algeria.

Al centro della vicenda vi è l’acquisizione dal 2007 al 2009 di sette contratti d’appalto in Algeria del valore complessivo di 8 miliardi di euro per i quali, secondo la procura, sarebbero stati versati quasi 198 milioni di euro a pubblici ufficiali algerini attraverso consulenze fittizie e sovrafatturazioni. “Sono felice della decisione del Tribunale di Milano. Devo dire che sono sempre stato sereno e ho sempre avuto fiducia nel lavoro dei giudici. Del resto questa sentenza si pone in continuità con quella di non luogo a procedere del GUP di Milano che già mi aveva assolto sulla stessa vicenda”, così ha commentati Paolo Scaroni l’assoluzione da parte del Tribunale di Milano sulla vicenda Saipem Algeria.

Repubblica.it

 

Share
Share