Niccolò Bettarini: “Gli ultras dell’Inter hanno fatto picchiare i miei aggressori”. La curva nord: “Una menzogna”

Share

Nicolò Bettarini

Nicolò Bettarini, figlio dell’ex calciatore Stefano e di Simona Ventura,  è noto alle cornache per l’aggressione subita lo scorso 1° luglio  davanti alla discoteca Old Fashion di Milano. Dopo il clamore iniziale, il tutto si era risolto con l’arresto degli aggressori. La vicenda torna prepotente alle attenzioni mediatiche, a causa della pubblicazionr delle intercettazioni telefoniche che rivelano, dalle dichiarazioni del Bettarini, dei particolari eclatanti. Bettarini, al telefono con un amico, ha rivelato di aver ricevuto in ospedale una visita dai capi della curva dell’Inter, i quali gli hanno riferito  che a San Vittore hanno fatto picchiare i suoi aggressori, “li hanno fatti gonfiare come le prugne sia dagli sbirri che da quelli dentro”.

La curva nord dell’Inter smentisce vigorosamente l’affermazione. Sulla loro pagina web, considerata il centro nevralgico del tifo nerazzurro, è apparsa una breve nota che nega l’accaduto, definito “una menzogna”. Nel mirino della curva, tuttavia, piu’ che il Bettarini Jr. ci sono i giornalisti accusati di essere dei “buffoni” e di “prendere in giro le persone”. “Le prugne invece che gonfiarle solitamente le mangiamo a tavola”, ironizzano i tifosi, riferendosi a una frase pronunciata da Bettarini.

A dar manforte alla curva nord è la Procura di Milano che fa sapere che non risulta nessun pestaggio in carcere.

 

Share
Share