Basta poco anche per vivere un’ora di serenità

Share

Fabrizio De André

(di Cesare Lanza per LaVerità) Scommettiamo che ci basterebbe poco per vivere serenamente? Eccovi le mie riflessioni, dopo aver ricevuto due messaggi, a proposito della mia passione per il Genoa. Il primo, perfido, è di un amico: preferisco non rivelarne il nome, per non esporlo all’ira o, più probabilmente, all’indignazione dei tifosi genoani: «Bisogna essere proprio citrulli, per fare il tifo per una squadra che non vince niente da 70 anni». Rispondo pacatamente: dire citrullo mi sembra esagerato, bastava definirmi utopista, ingenuo, illuso, romantico… Comunque, non mi va di discutere: libertà di opinioni innanzitutto (meglio senza insulti). La seconda lettera, firmata dall’insegnante Luigina Rubino, è tenerissima: «Caro Cesaretto, mi sei simpatico per l’abituale sobrietà: mi dai, in poche parole, la tua ricetta della felicità?». Eccola, ma felicità è una parola enorme, accontentiamoci di un’altra più accessibile: serenità. Dunque, mai invidiare gli altri e accontentarsi di ciò che si ha. Cara professoressa, non mi santifichi però: ci sono arrivato in tarda età, da quando mi batto contro una malattia oggettivamente grave, ma affrontabile. Per evitare la disperazione e gli egoismi, basta pensare a milioni, forse miliardi di creature (quanti bambini!) che soffrono in maniera ben più atroce. Accontentarsi di ciò che è poco e semplice: non so dare una ricetta, ma un esempio sì. Mi basta un pezzo di focaccia (ligure), un bicchiere di buon vino, un amico al tavolo o un libro – un classico, però – e qualche canzone di Fabrizio De André, per vivere una mattinata serena. Provare per credere: con i vostri libri e cantanti preferiti, naturalmente.

Share
Share