Gli studenti universitari contro il caro affitti

Share

Caro affitti per chi studia all’università. E’ un fenomeno nuovo che si sta affacciando in città come Bologna dove i proprietari di case sempre più affittano con Airbnb piuttosto che agli studenti. E dunque, oltre ai costi sempre più alti per un posto letto, gli universitari devono fare i conti anche con la carenza di alloggi.
Per il quarto anno consecutivo – denuncia Link, il coordinamento universitario – aumentano gli affitti che raggiungono in molte città costi “proibitivi tali da costringere tantissimi studenti ad enormi sacrifici o ad abbandonare gli studi”. Secondo il rapporto di SoloAffitti, gli affitti aumentano mediamente del 4% rispetto allo scorso anno. I prezzi salgono non solo nelle grandi città: a Milano per una singola servono 563 euro al mese (+7% rispetto l’anno scorso), a Bologna 350 (+2%), a Trieste 275 euro (+20%), a Ferrara 225 (+6%), a Perugia 200 (+18%). Prezzi che però possono superare anche i 600 euro se ci si vuole avvicinare al centro o alle zone universitarie. Solo in pochissime città come Cagliari, Pavia, Torino, Firenze e Bari si registra una piccolissima riduzione, continua il rapporto di Link.

“Non esistono politiche pubbliche per agevolare gli studenti universitari, le case proposte sono spesso fatiscenti e i contratti sono inadeguati rispetto alle nostre esigenze”, dichiara Alessio Bottalico, coordinatore nazionale di Link. Il collettivo avanza richieste ben precise: “Il contratto 4+4 del mercato libero non ci tutela, i comuni devono ridurre Tasi, Tari e le altre tasse sulla casa per incentivare i locatori che propongono contratti a canone calmierato per gli studenti”. Inoltre, “deve essere potenziata la residenzialità pubblica, adeguando le residenze universitarie all’ammontare degli studenti aventi diritto di posto alloggio, attraverso la costruzione di nuove strutture e la conversione degli immobili in disuso”-Il nodo affitti riguarda a questione più ampia del diritto allo studio: le Regioni  – tranne l’Emilia Romagna – non riescono a garantire le borse a tutti gli idonei. Link pubblica on line la controguida all’abitare per dare un primo supporto agli oltre 250.000 studenti fuori sede in cerca di casa. “E’ inaccettabile che ogni anno migliaia di studenti idonei a borsa di studio e alloggio rimangano senza un tetto per la mancanza di soldi e strutture!”, conclude Bottalico.

Ilaria Venturi, Repubblica.it

Share
Share