Saliscendi / LaVerità

Share

di Cesare Lanza per LaVerità

.,

Francesco Cozzi

Nella cornice delle continue polemiche tra magistrati e mass media, finalmente un condiviso apprezzamento per il procuratore capo di Genova. Ha subito escluso che la tragedia possa essere attribuibile al fato, è determinato a fare giustizia, vuoi vedere le carte della concessione secretate misteriosamente. Ci sarà pure un giudice a Berlino, scrisse Bertolt Brecht. A Genova, c’è.

.,

La famiglia Benetton

L’immagine della famiglia di Ponzano Veneton è a pezzi, dopo il crollo del ponte di Genova. Ogni giorno nuove accuse e documentazioni inquietanti: pedaggi altissimi e ingiustificati, investimenti inadeguati e scadenti. Indignata l’opinione pubblica: formale solidarietà per le vittime, attenzione soprattutto al business e alla revoca della concessione.

.,

Cittadini di Genova

Gente aspra, concreta, riservata e di poche parole i genovesi. Perciò risultano straordinarie le manifestazioni ai funerali: forse per la prima volta nella storia repubblicana i rappresentanti delle istituzioni e del governo sono accolti con ovazioni di consenso e applausi. Il sentimento popolare si impone con efficacia. Ritorna un po’ di fiducia nello Stato?

.,

Maurizio Martina

Ai funerali di Stato il segretario provvisorio del Pd fa le spese del malcontento: alla radice dei «buu» e dei fischi ci sono i comportamenti dei suoi predecessori. Gli esponenti di quel che resta dei dem non riescono più a interpretare la protesta e la ribellione degli italiani. E i catastrofici sondaggi elettorali attestano che la discesa è inarrestabile.

.,

Carlo Ancelotti

A dispetto delle critiche della vigilia, il nuovo allenatore del Napoli l’uomo che ha vinto ovunque – ha un biglietto da visita inequivocabile: una preziosa vittoria, in rimonta, in casa della Lazio. Così l’interrogativo tecnico si trasforma: basterà l’esperienza del mister, privo degli auspicati rinforzi, per far meglio dei prestigiosi risultati di Maurizio Sarri?

.,

 

Luciano Spalletti

Ripetitivo! Buon tecnico, ma perdente. Con superbia indomabile, come se avesse inventato lui il calcio. L’anno scorso stava battendo la Juve e rivoluzionando il campionato, poi all’ultimo ha tolto leardi per sostituirlo con Santon. Chissà perché! Risultato: sconfitto in pochi istanti. E adesso, dopo vari proclami, è già riuscito a perdere la prima!

 

Share
Share