Banca Carige riduce il rosso nel primo semestre

Share

Banca Carige chiude il primo semestre una perdita di 20,2 milioni di euro, riducendo il rosso del primo semestre 2017, quando la perdita è stata pari a 158,4 milioni. Escludendo alcuni “effetti one-off derivanti dalle legacy del passato” il risultato del primo semestre 2018 è a break-even operativo (+20,2 milioni) “e allineato alle previsioni di piano”.

Gli effetti sono riconducibili a perdite su affidamenti creditizi concessi prima del 2014 ceduti o stralciati nel secondo trimestre 2018 e a maggiori accantonamenti a fondo rischi e oneri per indennizzi e penali pretesi da Amissima (circa 23,1 milioni netti).

Il mol derivante dalla differenza tra proventi e oneri operativi ‘core’ è positivo e in crescita a 24,8 milioni, +51,8% su base annua.

Il Margine Operativo Lordo (MOL) derivante dalla differenza tra proventi e oneri operativi “core” risulta positivo e in crescita a 24,8 milioni (+51,8% su base annua).

Il margine d’interesse si è ridotto del 9,7% a 109,2 milioni di euro, le commissioni nette sono scese dell’1,4% a 120,4 milioni e i costi di gestione “core” sono calati del 12,3% a 228 milioni.

Sul piano della solidità patrimoniale, il Cet1 ratio phased-in a fine giugno scorso è pari all’11,8%, superiore al limite regolamentare richiesto dalla BCE del 9,625% e alla soglia suggerita.Il Total Capital ratio phased-in si attesta all’11,9%.

Il CdA ha deliberato di convocare per il 20 settembre prossimo l’assemblea ordinaria degli azionisti, chiamata a decidere, tra le altre cose, sulle richieste di revoca del Board avanzate da Malacalza Investimenti e dal socio Raffaele Mincione.

Teleborsa

Share
Share