Toronto, tre morti e quattordici feriti in una sparatoria

Share

Coinvolta anche una bambina. Il bilancio è ancora provvisorio. Una delle vittime è l’uomo che ha aperto il fuoco. Alcuni dei feriti sono stati medicati in strada, mentre altri sono stati trasportati negli ospedali.

 

Almeno quindici persone, tra cui anche una bambina, sono state colpite dai proiettili esplosi con una pistola in strada a Toronto, la città più popolosa del Canada e capoluogo della Regione dell’Ontario. Secondo un primo bilancio le vittime accertate sono tre, tra le quali l’uomo che ha aperto il fuoco, e i feriti sono 14. A confermare la notizia la polizia della città con un tweet. Secondo il portavoce Mark Pugash è troppo presto per affermare con certezza se la sparatoria sia legata a un episodio di terrorismo. Il killer, che avrebbe esploso oltre 20 proiettili ricaricando più volte la sua pistola, sarebbe morto durante lo scontro a fuoco con le forze dell’ordine. Una tv locale aveva invece riferito che l’uomo si sarebbe suicidato. L’episodio è avvenuto alle 22 locali, nella zona tra Danforth e Logan avenues vicino alla Brass Taps Pizza Pub, nel quartiere greco della città. Mark Saunders, capo della polizia di Toronto, ha spiegato che l’attacco è stato compiuto quando i locali della zona erano tutti affollati. Secondo le prime ricostruzioni, un giovane si è diretto verso un ristorante e aperto il fuoco verso l’interno del locale. Tra i feriti, ci sarebbe anche una bambina di circa 8-9 anni. “In questo momento è fondamentale evitare speculazioni. Quando potremo fornire maggiori informazioni, lo faremo senz’altro”, ha detto il numero uno delle forze dell’ordine, che hanno anche fatto brillare due oggetti nella zona. Il quotidiano Globe and Mail, sulla base di alcune testimonianze, afferma che dopo una prima serie di colpi, che ha provocato la fuga precipitosa di molte persone, sono stati esplosi altri proiettili. L’uomo armato  era vestito completamente di nero, probabilmente indossava anche un cappellino e una bandana: “Aveva un’espressione orribile sul volto”, ha raccontato il testimone Andrew Mantzios, che stava bevendo un caffè in piazza. Il killer ha aperto il fuoco contro alcune persone che si apprestavano ad attraversare la strada. “Una donna ha cercato di scappare ed è caduta. Lui si è girato e ha sparato a bruciapelo due o tre volte”, ha aggiunto il testimone. Poi l’attentatore ha proseguito spostandosi lungo Danforth Avenue e sparando verso i locali. Mantzios ha visto cadere “altre 7, 8, 9 persone”. “Sono stati sparati tanti colpi”, ha detto John Tulloch, un altro testimone. “C’è stata una pausa, poi altri colpi. Poi un’altra pausa e poi un’altra sparatoria. In totale, saranno stati 20 o 30 colpi”. Alcuni dei feriti sono stati medicati in strada, mentre altri sono stati trasportati negli ospedali della zona.

La Repubblica

Share
Share