La Uefa ha spezzato le gambe al Milan: il club, per 1 anno, non può partecipare alle coppe

Share

Quello che temevano i tifosi e che ormai si aspettavano i dirigenti rossoneri si è materializzato: il Milan è fuori dalle coppe europee per un anno. Lo ha deciso l’Adjucatory Chamber di Nyon, che nel pomeriggio ha emesso la sentenza sulla violazione del fair play finanziario del club rossonero per il triennio 2014-17. A questo punto, per il club rossonero resta la carta del Tas di Losanna: il Milan ha dieci giorni di tempo per presentare il ricorso al Tribunale arbitrale dello Sport.
La sentenza— “La camera giudicante dell’Organo di Controllo Finanziario per Club (CFCB) – si legge nella sentenza Uefa -, presieduta da José Narciso da Cunha Rodrigues, ha preso una decisione sul caso AC Milan a seguito del rinvio del responsabile della camera di investigazione CFCB per la violazione delle norme del fair play finanziario, in particolare per la violazione della regola del pareggio di bilancio (break-even rule). Il club non potrà partecipare alla prossima competizione UEFA per club a cui è qualificata nelle prossime due (2) stagioni (una competizione sola nella stagione 2018/19 o in quella 2019/20, in caso di qualificazione). Contro questa decisione è possibile presentare ricorso al Tribunale Arbitrale dello Sport, secondo l’Articolo 34 (2) del regolamento procedurale che governa l’Organo di Controllo Finanziario per Club UEFA, e secondo gli Articoli 62 e 63 degli Statuti UEFA”.

La gazzetta dello sport

Share
Share