Aggiornamento sul caos migranti e sulla Ong Lifeline. Per Salvini, la nave deve essere sequestrata

Share

“La nave fuorilegge Lifeline è ora in acque di Malta, col suo carico di 239 immigrati. Per sicurezza di equipaggio e passeggeri abbiamo chiesto che Malta apra i porti. Chiaro che poi quella nave dovrà essere sequestrata, ed il suo equipaggio fermato. Mai più in mare a trafficare”.

“La nostra nave batte bandiera olandese”. Lo riferisce in un tweet la Lifeline mostrando una conferma di registrazione che lo indica. Nel documento Amsterdam è il porto “di casa” e il 19 settembre 2017 la data di registrazione con scadenza il 19 settembre 2019. La ong ribadisce inoltre che l’intervento di ieri è avvenuto in acque internazionali. Intanto nella notte Lifeline ha fornito assistenza ad un mercantile che è intervenuto in soccorso ad un altro gommone in difficoltà.

Ieri c’erà stato uno scontro dell’esecutivo con la nave Lifeline: intervenuta in soccorso di 300-400 migranti al largo della Libia, chiedeva un porto sicuro dove poter attraccare affermando di aver agito nelle regole, mentre i ministri Salvini e Toninelli replicano: ‘Stanno agendo in acque libiche fuori da ogni regola, fuori dal diritto internazionale’, e chiede un’indagine alla Guardia costiera, aggiungendo che sono stati imbarcati migranti ‘senza avere i mezzi tecnici per poter garantire l’incolumità degli stessi e dell’equipaggio’.

Il ministro delle infrastrutture Danilo Toninelli su Facebook aveva spiegato: “La Lifeline non si può muovere, ha una capienza di 50 persone ed ha 224 migranti a bordo che non vuole dare alla Libia. Nonostante siamo in mare libico ci assumiamo noi la responsabilità di portarli sulle navi della nostra Guardia costiera, la porteremo in Italia dove dovrà fermarsi perchè la sequestreremo: è una nave apolide che non può navigare in acque internazionali”. In seguito una ulteriore precisazione: “La nave ong Lifeline batte illegittimamente bandiera olandese, visto che non è registrata in quel Paese. Di fatto è una nave apolide che non dovrebbe e non potrebbe navigare in acque internazionali. Potrebbe essere considerata una nave pirata”. In tarda serata Salvini aveva rincarato: “Se arrivano in Italia gli sequestriamo la nave e processiamo l’equipaggio per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina”. “Navi fantasma nei porti italiani non le voglio”, conclude il ministro.Il Viminale precisa che l’Italia sta lavorando per salvare tutte le vite umane a bordo della Lifeline e ritiene che debbano sbarcare in Libia o a Malta e sta trattando con questi due Paesi per ottenere questa soluzione. Le fonti del ministero dell’Interno aggiungono che, nel caso in cui la nave finisca per attraccare in Italia, ciò potrebbe accadere solo se vuota. E in tal caso verrebbe sequestrata e il suo equipaggio arrestato.

In precedenza su Twitter  la rappresentanza dei Paesi Bassi presso l’Ue ha precisato: “Seefuchs e Lifeline non viaggiano con bandiera olandese, secondo la Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare (Unclos). Queste navi appartengono a Ong tedesche e non sono registrate in Olanda. Pertanto l’Olanda non può dare istruzioni a queste imbarcazioni. L’Italia è a conoscenza della posizione olandese”.

ANSA

Share
Share