Zuckerberg come Marta Flavi. Facebook diventa un’agenzia matrimoniale

Share

L’annuncio di Mark Zuckerberg nella cerimonia di apertura di F8, l’annuale conferenza dedicata agli sviluppatori: “Vogliamo unire le persone, ma non sarà per relazioni di una notte”. Il servizio Clear History permetterà invece di cancellare le tracce degli utenti sul web

Mark Zuckerberg

Facebook punta al nostro cuore. E lo fa, da una parte, letteralmente con un nuovo servizio dedicato al dating che mette il social in diretta competizione con Tinder, la popolare app per gli incontri online. Dall’altra promettendoci un maggiore controllo sulle informazioni che mettiamo a disposizione della piattaforma. Sono queste le due principali novità annunciate da Mark Zuckerberg durante l’apertura di F8, l’annuale conferenza dedicata agli sviluppatori della rete sociale in corso a Menlo Park, sede della compagnia.

· PENSATO PER I SINGLE
“Vogliamo unire le persone”, continua a ripetere Zuckerberg fedele alla nuova mission che il fondatore ha dato all’azienda lo scorso anno: “Creare comunità e unire il mondo”. E perché non iniziare dalle coppie? “Molte persone si dichiarano single sulla nostra piattaforma, così abbiamo deciso di pensare a loro”, scherza il giovane, precisando che il nuovo servizio è pensato per le “relazioni serie, non per le avventure di una notte”. Sarà una parte separata dal social e avrà una chat divisa. In pratica, gli utenti potranno creare un profilo ad hoc per il dating che sarà visibile solo a chi ha fatto la stessa scelta. Niente invasioni di campo, per evitare ingerenze inopportune.

I potenziali partner verranno suggeriti in base agli interessi e agli amici che abbiamo in comune. Un passo in questa direzione era già stato compiuto con Discover People: una sorta di agevolatore di amicizie presentato agli inizi dello scorso anno. Ora Zuckerberg fa un balzo in avanti nel settore e, potendo contare su 2.2 miliardi di utenti attivi al mese, diventa il principale antagonista di Match Group: azienda leader nel settore perché proprietaria sia di Tinder che di OkCupid. Il nuovo strumento dovrebbe essere a disposizione di tutti entro fine anno.

· LE NUOVE FUNZIONI PER LA PRIVACY
Dating a parte, l’inizio di Fb8 non è sembrata una festa. Ma più una rassegna dei punti deboli del social network su cui nei prossimi mesi il team di Zuckerberg dovrà lavorare per riconquistare la fiducia degli utenti. Sul palco, il papà della comunità li ha citati tutti: fake news, privacy, integrità delle elezioni politiche. Parole dure sono state dedicate al caso Cambridge Analytica: società di consulenza politica che ha collezionato le informazioni di milioni di utenti per inviar loro dei messaggi politici mirati. “Una violazione grave della nostra fiducia”, l’ha definita il fondatore.

Ed è proprio per mettere una toppa che Zuckerberg ha pensato a un nuovo servizio: la novità principale della conferenza per quel che riguarda la privacy. Si chiama Clear History e il creatore di Facebook gli ha dedicato un lungo post pubblicato sulla propria bacheca pochi minuti prima dell’inizio del discorso. Grazie a lui, spiega, “sarete in grado di vedere le informazioni riguardo alle app e ai siti web con cui avete interagito attraverso il vostro account e di cancellarle. Inoltre, potrete anche scegliere di disabilitare la collezione di questi dati attraverso il vostro profilo”. Non sarà, però, una decisione del tutto indolore: “Per essere chiari, la decisione di cancellare i cookie dal browser, può peggiorare parti dell’esperienza che avete online. Lo stesso accadrà in questo caso”.
“Ma avrete la possibilità di scegliere”, conclude. Tutto in nome di una maggiore chiarezza con cui Zuckerberg spera di far breccia nei nostri cuori.

· INSTAGRAM: IN ARRIVO VIDEOCHAT E FILTRO ANTI-BULLI
In casa engerInstagram, l’app per le fotografie di proprietà di Facebook, sono in arrivo diverse migliorie. Prima di tutto, le chat video, grazie a cui presto potremo vidochiamare i nostri amici. Come già accade su WhatsApp e Facebook Messenger. Una funzione che andrà ad ampliare i servizi di messaggistica già offerti. Ritoccata anche la funzione “Esplora” che si doterà di intelligenza artificiale e, assicura Zuckerberg, sarà “organizzata in maniera più efficiente”. Con l’obiettivo di suggerire i contenuti che si accordano maggiormente ai nostri gusti e ai nostri interessi, evitando una vana e lunga ricerca all’interno dell’app. La battaglia anti-bulli si fa ancora più agguerrita. L’ulteriore stretta prevede l’impiego di un nuovo filtro. “Nasconderà i commenti contenenti attacchi all’apparenza fisica o al carattere di una persona, così come minacce alla sua salute o al suo benessere”, ha scritto il team di Instagram in un post.

· OCULUS GO: REALTA’ VIRTUALE PER GUARDARE LA TV
Un boato di apprezzamento ha accompagnato l’annuncio di un dono da parte di Mark Zuckerberg a tutti i partecipanti alla conferenza. Si tratta di Oculus Go, il visore con cui Facebook ambisce a rendere la realtà virtuale a portata di tutti, puntando sull’economicità del prodotto e sulla facilità di utilizzo. Disponibile già da oggi in due versioni, una da 32 GB di memoria al prezzo di 219 euro e una da 64 GB al prezzo di 269 euro, per funzionare il caschetto non ha bisogno di fili e nemmeno di uno smartphone o di un pc. Al proprio interno sono installate in partenza più di mille giochi e altrettante applicazioni, con cui è possibile interagire tramite un controller incluso nella confezione. Il peso del visore? 468 grammi. La batteria promette una durata di circa tre ore, mentre il processore di bordo è uno Snapdragon 821 dotato dei sensori necessari a riconoscere la nostra posizione all’interno dello spazio. Ma ancora più interessante del prodotto in sé, è l’app che l’accompagna e che verrà rilasciata nei prossimi mesi: “Oculus TV”. Tra i partner conta Showtime, Netflix, e Espn e potenzialmente potrebbe rivoluzionare il modo in cui guardiamo la tv.

Rosita Rijtano, Repubblica.it

Share
Share