Guai per Ivanka Trump: la sua fabbrica di scarpe

Share

L’azienda che produce la linea di calzature della figlia di Trump ha delocalizzato in Etiopia: i dipendenti denunciano condizioni di lavoro al limite della schiavitù

Ivanka Trump

Produceva le scarpe disegnate da Ivanka Trump, prima che il padre diventasse presidente degli Stati Uniti costringendola a cambiare fornitore. È una delle star di Amazing China, il documentario di propaganda voluto dal governo cinese per celebrare le glorie dell’economia nazionale.

Ma ora si scopre che il successo del colosso cinese Huajian, il primo produttore di scarpe e articoli di pelletteria nel mondo, nasconde una realtà di sfruttamento. I suoi lavoratori in Etiopia, dove l’azienda ha delocalizzato buona parte degli impianti, hanno denunciato all’Associated Press di essere pagati 51 dollari al mese, maltrattati dai capi e costretti a turni interminabili, senza la possibilità di costituire organizzazioni sindacali.

“Non mi resta nulla alla fine del mese”, dice Ayelech Geletu, 21 anni, operaio dello stabilimento alle porte di Addis Abeba. A cui fanno eco diversi colleghi: “Ci sono agenti chimici che feriscono mani e occhi, non ti forniscono guanti protettivi e se rifiuti di lavorare senza ti licenziano”. Una versione molto diversa dai grandi sorrisi e i pollici all’insù mostrati dagli stessi lavoratori nelle immagini di Amazing China, con tanto di sottotitolo sul “meraviglioso futuro dell’umanità”.

Un bell’imbarazzo per gli autori del documentario pensato per esaltare i successi della Cina di Xi Jinping (che compare 30 volte in 90 minuti), rilasciato non a caso pochi giorni prima della modifica costituzionale che lo ha reso presidente a vita e pompato al botteghino costringendo tutti gli iscritti al partito e i dipendenti delle aziende di Stato ad andare a vederlo.

Il motivo per cui Huajian abbia scelto di produrre in Etiopia, dove non esiste un salario minimo, non è un mistero. È lo stesso per cui tante aziende italiane, nei primi anni 2000, hanno spostato i loro stabilimenti in Cina: risparmiare. Eppure la propaganda ufficiale del Dragone presenta i suoi investimenti in Africa nell’ambito della nuova Via della seta come un modello di inclusione e sviluppo condiviso.

Il regista del documentario Wei Tie ha spiegato che non era al corrente delle controversie sulle condizioni di lavoro nello stabilimento che ha filmato, e ha spiegato che il motivo per cui lo ha scelto è che Huajian sta “portando l’esperienza cinese della prosperità in Africa”. La realtà sembra parecchio diversa.

Filippo Santelli, Repubblica.it

Share
Share