Avio innalza il vessillo del successo: il portafoglio ordini ha raggiunto la quota record di 952 milioni di euro

Share

Giulio Ranzo, a. d. di Avio

L’assemblea degli azionisti di Avio S.p.A. ha approvato nel corso della seduta del 24 aprile 2018 il bilancio d’esercizio chiuso al 31 dicembre 2017. Un anno, quello scorso, che ha portato la Società alla quotazione sul segmento Star della Borsa Italiana in seguito all’operazione di fusione con Space 2 S.p.A. Gli effetti si sono subito visti sui dati economici con i ricavi che sono cresciuti del 18% a quota 343,8 milioni di euro, merito delle attività di produzione del lanciatore Vega, di cui Avio è prime contractor e dello sviluppo del nuovo motore P120C oltre all’avanzamento del progetto relativo al nuovo lanciatore Vega C. Va sottolineato come oltre il 98% dei ricavi di Avio vengono realizzati all’estero. Positivi anche il margine operativo lordo adjusted (46,5 milioni di euro, +28%) e l’utile netto (21,8 milioni di euro rispetto ai 3,1 milioni del 2016). Su quest’ultimo dato ha inciso il nuovo finanziamento settennale da 40 milioni di euro concesso, nell’ottobre 2017, dalla Banca Europea per gli Investimenti (Bei) per supportare lo sviluppo di nuovi prodotti e tecnologie nei sistemi di propulsione spaziale e l’espansione della capacità produttiva dello stabilimento romano di Colleferro.

La posizione finanziaria netta è migliorata (+41,7 milioni di euro) dopo il risultato negativo del 2016 (-18,6 milioni di euro), grazie all’apporto di cassa generato dalla fusione con Space 2 S.p.A mentre gli investimenti totali sono aumentati a 28,6 milioni di euro, rispetto ai 24,5 milioni spesi nel 2016. Il portafoglio ordini ha raggiunto un nuovo record attestandosi a quota 952 milioni di euro (+23%) grazie alla firma di nuovi contratti per un valore complessivo di oltre 500 milioni di euro relativi alla produzione e ai programmi di sviluppo dei lanciatori Vega (Batch 3). In favore degli azionisti è stato distribuito un dividendo di 0,38 euro per azione che sarà messo in pagamento a partire dal 16 maggio 2018.

Andando ad analizzare i principali prodotti sviluppati dal gruppo Avio è possibile notare come nel corso del 2017 si siano registrati, con successo, 6 voli del missile Ariane 5  e 3 di Vega. Accanto alle attività di lancio sono proseguiti i processi di sviluppo per implementare la nuova generazione di lanciatori europei, tra cui il Vega C e l’Ariane 6, con la realizzazione dei primi esemplari dei motori P120 e Z40. Uno sviluppo che si trova già in uno stadio molto avanzato come dimostrato dal successo avuto, nel marzo 2018, dal primo tiro al banco effettuato in Sardegna del nuovo motore Z40, installato sul lanciatore Vega C.

Giulio Ranzo, amministratore delegato di Avio, ha così commentato i risultati raggiunti nel bilancio 2017: “Il 2017 è stato un anno determinante per la storia della nostra Azienda. La quotazione in Borsa, il track-record di lanci di successo con Ariane e con Vega, la realizzazione dei nuovi motori P120C e Zefiro 40 per la prossima generazione di lanciatori europei, la costruzione del nuovo e tecnologico impianto produttivo di Colleferro, una nuova struttura patrimoniale e finanziaria notevolmente rafforzata ci hanno permesso di gettare solide basi per la crescita dei prossimi anni e di immaginare un futuro sereno per i nostri investitori e per le nostre persone”. Aggiungendo poi come “i risultati di Avio, ancora in crescita a doppia cifra per il terzo anno consecutivo, dimostrano la grande solidità del nostro Gruppo che opera in un mercato in forte espansione e che richiede competenze tecnologiche avanzate e velocità di decisione per cogliere le opportunità su scala globale”.

Lorenzo Brambilla, Business Insider Italia

Share
Share