La proba azione di Toyota: in Giappone, l’azienda aiuterà le autorità per fermare le calamità naturali

Share

Toyota lavora, assieme a KDDI Corporation e OYO Corporation, alla creazione di un sistema di sostegno e di informazione destinato alle autorità governative e locali, come misura contro le calamità naturali. Grazie all’utilizzo delle tecnologie leader nell’internet delle cose e all’analisi dei Big Data, questo sistema permetterà alle autorità di di conoscere, in caso di catastrofe, quali sono le strade più percorribili e di conoscere in tempo reale lo stato delle infrastrutture chiave, per aumenterà la precisione e la rapidità delle decisioni relative al lancio di avvisi di evacuazione e di restrizioni del traffico oltre che per garantire la sicurezza dei residenti. Una versione dimostrativa di questo sistema sarà presentata al Forum Asia Pacifico Fukoka 2018, che si terrà l’8 maggio nell’omonima città giapponese, in attesa del rilascio della versione definitiva entro il 2019. Estendendo la collaborazione all’operatore telefonico HDDI e agli esperti nel monitoraggio delle calamità OYO, Toyota metterà a disposizione del sistema li veicoli e gli smartphone come ‘sensori mobili’ inseriti nello IoT (internet delle cose) e integrare così i dati raccolti attraverso sensori fissi installati dal Governo e dalle amministrazioni locali. KDDI lavorerà per sviluppare un modo per eseguire un’analisi completa di dati utilizzando – tra l’altro – l’enorme quantità di dati con informazioni di posizionamento da telefoni cellulari. Ciò consentirà, ad esempio, di far muovere in modo efficiente soccorsi e attrezzature in caso di catastrofi. Il consulente geologico giapponese OYO si avvarrà invece della sua esperienza per installare vari sensori, come sismografi e sensori di alluvione, e confrontando i dati con quelli a bordo delle auto, per valutare la situazione dinamica e l’inclinazione del mezzo.

ANSA

Share
Share