Tempo pazzerello: al sud piove, mentre al nord si soffoca

Share

Il super anticiclone Apollo che attraversa la nostra penisola porta un assaggio d’estate con picchi fino a 30 gradi in Trentino e di 28 gradi nelle città della pianura Padana. Bassa pressione al Sud dove le temperature non riusciranno a superare i 20 gradi

Un’immagine d’archivio che simbolicamente vuole indicare gli abitanti del nord Italia

Benvenute maniche corte e scarpe aperte. In Italia e in gran parte d’Europa è arrivato, come già era stato preventivato, il super anticiclone Apollo, un’ondata di caldo che, non a caso, prende il nome dal dio greco del Sole. L’assaggio d’estate toccherà quasi tutta la penisola e, secondo gli esperti, durerà fino a fine mese. Attenzione però, l’alta pressione non riuscirà a conquistare il Sud e le isole dove la pioggia continuerà a far respirare aria tipicamente primaverile.

Secondo i meteorologi de iLMeteo.it il picco delle temperature si toccherà oggi, soprattutto nelle regioni del nord Italia, dove la colonnina di mercurio si alzerà fino a valori tipici di inizio giugno. Afa estiva prevista nella valle dell’Adige di Trento e Bolzano, con punte di 30 gradi. Nelle città della Pianura padana, come Milano e Trieste, il termometro raggiungerà i 25-27 gradi. Anche sulle Alpi, Apollo porterà caldo record con temperature fino a 20 gradi, che, come suggeriscono gli esperti, allertano sul rischio valanghe. Il caldo non risparmierà neanche le regioni centrali: 25 gradi a Torino e Bologna, 27 a Firenze, 24 a Roma.

Situazione capovolta, invece, nel sud Italia e sulle coste tirreniche e adriatiche, dove Apollo non riuscirà a sfondare. La colonnina faticherà a raggiungere i 20-22 gradi e in Sicilia si potranno registrare temporali, soprattutto nelle ore pomeridiane. Per questo la Protezione civile ha diramato l’allerta meteo fino alla mezzanotte di oggi.

Italia divisa in due anche nel weekend del 21-22 aprile. Caldo e sole continueranno a segnare le regioni del Nord, mentre al Sud la bassa pressione continuerà a fare da padrona. In particolare nella giornata di domenica i temporali colpiranno tutto l’Appennino centro – meridionale, a partire dal frusinate fino ai monti Nebrodi sicialiani e occasionalmente anche la Puglia centrale. Le temperature in queste zone scenderanno ancora di 3-4 gradi centigradi, arrivando a toccare i 15 gradi.

Ma perché la penisola è sottosopra? Secondo il fondatore di ilMeteo.it, Antonio Sanò, “la spiegazione deriva dalla maggiore o minore vicinanza dal mare che in questo periodo dell’anno è ancora freddo dopo i lunghi mesi invernali, e così nelle città interne della Valpadana le temperature schizzano verso l’alto mentre al contrario lungo le migliaia di km delle coste bagnate le temperature faticano a superare i 20°C”.

Reppubblica.it

Share
Share