Le aziende sono attratte dalla Formula E

Share

La Formula E richiama le grandi aziende internazionali. Title sponsor del campionato automobilistico elettrico che si correrà domani pomeriggio a Roma è infatti Asea Brown Boveri (Abb), multinazionale con sede a Zurigo specializzata nell’ingegneria elettrica, nella robotica e nella costruzione di prodotti e sistemi d’alta qualità, mentre Allianz è official partner. Qatar Airways sarà invece presente con uno stand all’interno dell’E-Village, la fan zone voluta da Allianz non lontano dalla pista, dove si svolgerà un festival di intrattenimento e innovazione per appassionati di tutte le età. Gli ospiti avranno l’opportunità di partecipare a numerose manifestazioni e attività, come vedere gli ultimi veicoli elettrici e ibridi in mostra nella Drive Zone, competere con i piloti di Formula E all’interno della Gaming Zone, partecipare alla sessione di autografi e incontro con i piloti prima della gara. Senza dimenticare il flash mob in piazza di Spagna voluto da Mercedes, con il marchio elettrico Eq.

Molte le scuderie in gara: a Mahindra Racing, Jaguar Panasonic, Renault, Virgin, Nio, Venturi, Audi, Dragon, Techeetah e Andretti si aggiungerà dal prossimo anno anche Bmw, che già ha presentato la sua monoposto. Inoltre, Enel rinnova il proprio impegno nella Formula E guidata dal fondatore e amministratore delegato Alejandro Agag, diventando official smart charging partner e official power partner delle prossime 5 stagioni del campionato automobilistico elettrico su strada. A dare l’annuncio è stato ieri Francesco Venturini, responsabile di Enel X, la divisione del gruppo elettrico dedicata a prodotti innovativi e soluzioni digitali.

Allianz, infine, promuoverà un evento dedicato all’intelligenza artificiale. Al termine della competizione, a partire dalle 18.30 presso PI School di Roma, si terrà infatti la micro conferenza Explorer Hub «Machine Intelligence meets Human Creativity», cui parteciperanno esperti nazionali e internazionali che si confronteranno su come l’intelligenza artificiale potrà cambiare la mobilità urbana, creando un ecosistema completamente nuovo.

Gianfranco Ferroni, ItaliaOggi

Share
Share