United Airlines ha dovuto affrontare una serie di sfortunati eventi

Share

Un’immagine degli aerei della United Airlines

C’è qualcosa di vagamente fantozziano nella serie di intoppi (chiamiamoli così) occorsi alla United Airlines nell’ultimo anno.  Una serie di sfortunati eventi cominciata più o meno un anno fa, quando un passeggero fu portato via di peso da un volo in overbooking.

O meglio da un volo che aveva bisogno di alcuni posti in più per trasportare del personale di volo da Chicago a Louisville. In questi casi prassi vuole che ci si scusi (cosa che United ha fatto) che si offra un cospicuo rimborso (cosa che Unite ha fatto rilanciando sino a 1.800 dollari) e poi, visto che nessuno ci stava, che si proceda all’estrazione del posto da liberare. Sfortuna volle quel posto fosse di un medico, o particolarmente cocciuto o particolarmente intenzionato ad arrivare a Louisville, che, comunque si rifiutò di lasciare il posto. Allora, lo sprovveduto e incauto equipaggio non trovò niente di meglio da fare, per risolvere il problema, che far trascinare di peso dalla polizia il malcapitato. Ovviamente i cellulari degli altri passeggeri ripresero la scena e quelle immagini violente fecero in pochi minuti il giro del mondo, con conseguente danno di immagine incommensurabile, per l’azienda e con una richiesta di danni milionaria da parte del passeggero malmenato.

Già questo incidente, per l’eco mediatica che ebbe, sarebbe stato sufficiente a massacrare l’immagine di qualsiasi compagnia. Ma a United ne sono successe altre: per esempio, ad aprile, ha per errore fatto imbarcare una viaggiatrice che non parlava inglese e che aveva sbagliato gate, sul volo per San Francisco invece che su quello per Parigi. Poi, di nuovo, lo scorso 7 marzo, ancora United ha fatto imbarcare per Denver invece che per il North Carolina un’anziana passeggera non vedente.

Poi da ultimo, solo ieri la storia di un cane spedito in Giappone invece che in Kansas, ma se non altro, atterrato vivo e vegeto. Non è un dettaglio da poco, visto che solo il giorno prima un cucciolo di bulldog francese è morto perché infilato dallo stewart in una cappelliera.

Luciana Grosso, Business Insider Italia

Share
Share