Elezioni, successo per M5s e Lega. Male il Pd

Share

Un po’ di cose erano previste. Ma non così. Quando sono stati scrutinati circa due terzi dei seggi, il Movimento 5 Stelle è il primo partito, con il 31% dei consensi, mentre il centrodestra arriva al 37% e il centrosinistra si ferma al 23,4%. I risultati sotto le attese di Pd (19,4%) e Forza Italia (14,3%) La vittoria del Movimento cinque stelle era data per certo, ma non con questi numeri. Era sta prevista anche la calata del Pd di Matteo Renzi, ma nessuno immaginava che si fermasse sotto la soglia del 20%. Sicuramente nessuno immaginava che la Lega diventasse il partito con più consensi nel centrodestra, superando nettamente la berlusconiana Forza Italia. Questi numeri dicono che non c’è una maggioranza certa nel Parlamento, nessuno dei partiti riuscirebbe ad avere la maggioranza necessaria a governare in modo autonomo. Numeri che rendono più difficile del previsto la strada di un governo di larghe intese sul modello di quello tedesco.

Il M5s: adesso tutti dovranno parlare con noi, siamo il pilastro della prossima legislatura

Il dato piu’ evidente che emerge dal voto è il boom del Movimento 5 Stelle: il leader Luigi Di Maio aspetta i risultati definitivi per commentare, e si pronuncerà molto probabilmente nel primo pomeriggio. Ieri sera Alfonso Bonafede, da Di Maio indicato come ministro della Giustizia in un possibile Governo pentastellato, ha sottolineato che “c’è un elemento certo, il M5S sarà il pilastro della prossima legislatura”. “Stiamo seguendo come tutti l’evoluzione dei risultati ed è chiaro che si tratta di una sconfitta molto evidente e molto chiara, molto netta”, dice il vicesegretario del Pd Maurizio Martina al Nazareno. Si spinge oltre il capogruppo Ettore Rosato: “passeremo all’opposizione”. “Se questi dati dovrebbero essere confermati si tratterà di un trionfo del Movimento cinque stelle, di una vera apoteosi che dimostra la bonta’ del lavoro che abbiamo fatto e soprattutto dimostra che tutti dovranno venire a parlare con noi. È un trionfo, un’apoteosi”. Queste le parole con cui l’esponente del M5S, Alessandro Di Battista, ha commentato questa notte i primi exit poll che vedono la netta affermazione del M5S con oltre il 30%. L’esponente del M5S ha seguito lo spoglio elettorale nella sala stampa dell’hotel Parco dei principi insieme a Davide Casaleggio. “Tutti dovranno venire a parlare con noi, e questa, lo dico a tutti i cittadini è la miglior garanzia – ha aggiunto – perché le altre forze politiche dovranno venire a parlare con noi utilizzando i nostri metodi di trasparenza, correttezza e credibilità basati sulle proposte e le soluzioni che vogliamo garantire al paese, e questo avverra’ nei prossimi giorni”. Soddisfazione è stata espressa anche da Beppe Grillo. Secondo quanto  riferito da Giulia Grillo, deputata del M5S, “Beppe Grillo è contento. Ci ha chiamato. Ci ha fatto i complimenti che io rilancio anche a lui: questo sogno diventa realtà anche per merito suo”.

La Lega esulta, Salvini: la mia prima parola è grazie

“La mia prima parola: Grazie!”. Questo il commento che il leader della Lega, Matteo Salvini, ha espresso ieri a mezzanotte su Twitter, sui primi exit poll. Il leader del Carroccio è giunto nella sede della Lega poco prima della mezzanotte e ha seguito lo spoglio del voto nel suo ufficio. “Parleremo prima coi nostri alleati. Sappiamo cosa dobbiamo fare e guardiamo al futuro con serenita’ e consapevolezza. Credo che la sfida di Matteo Salvini sia stata vinta”, ha affermato il vice segretario della Lega Giancarlo Giorgetti poco dopo. In attesa dei dati definiti è chiara l’aria di ottimismo che si respira tra i dirigenti leghisti visto il sorpasso del Carroccio su Forza Italia. Vincere la sfida interna al centrodestra è da sempre uno degli obiettivi di Salvini anche per le sue ambizioni alla premiership di un eventuale governo di centrodestra. Il risultato positivo della Lega sembra concretizzarsi anche sul fronte delle elezioni regionali. In Lombardia il candidato del centrodestra Attilio Fontana, risulta infatti in vantaggio rispetto al candidato del centrosinistra, Giorgio Gori.

ItaliaOggi

Share
Share