Banche. La previsione di Flavio Valeri (Deutsche Bank): “In Italia, ci saranno altre fusioni”

Share

Flavio Valeri

Secondo il chief country officer di Deutsche Bank Italia, Flavio Valeri, in Italia ci saranno altre fusioni. Intervistato da Repubblica, Valeri ha poi aggiunto questo:  “Credo che in Italia una banca indifferenziata possa ormai sopravvivere con ricavi tra 5 e 7 mld, una taglia che solo Unicredit e Intesa Sanpaolo superano oggi. Tutte le altre banche commerciali, un centinaio, dovranno aggregarsi per assumere dimensioni che consentano investimenti per ripulire gli attivi creditizi, potenziare le piattaforme tecnologiche e spesare il personale in esubero”.

“Vedo in pochi anni – ha continuato – la nascita di due nuovi grandi poli e un mercato nazionale per dure terzi controllato da quattro, più o meno come in Spagna, Francia, Gran Bretagna”.

“Banco Bpm e Ubi” da molti individuati come i due centri aggregatori di questi nuovi poli “hanno esperienza di aggregazioni e una taglia di ricavi non lontana dai 5 mld che, per me, saranno il minimo indispensabile per sopravvivere” ha puntualizzato Valeri.

Poi ha dato un bellissimo ritratto dell’Italia, che definisce molto più forte di quello che appare: “L’aria nuova che si respira in Europa con il miglioramento dell’economia e le nuove leadership politiche in Francia e Germania, contribuirà a risollevare le quotazioni dell’Italia, paese molto più forte di quel che appare. E può avere impatti decisivi sul contenimento del debito pubblico. Il rilancio del settore banche passerà per un ripensamento dei modelli di business e nuove concentrazioni: come Spagna, Francia, Regno Unito avremo quattro poli a dividersi due terzi del mercato”. E aggiunge: “Fino a poco tempo fa l’Italia era sinonimo di economia e conti pubblici in difficoltà, e banche zavorrate dal cattivo credito. Oggi un numero crescente di ricerche, che analizzano i principali parametri macro, rileva che con una crescita del Pil tra l’1,5 e il 2%, un’inflazione in avvicinamento al 2%, un avanzo primario tra 2,5 e 3%, possano in un decennio ridurre il rapporto debito/Pil dal 132% attuale al 100%. Tale dinamica libererebbe un grande valore sull’Italia”.Valeri parla anche di prospettive del settore bancario in Italia dove “una banca indifferenziata può ormai sopravvivere con ricavi tra 5 e 7 miliardi, una taglia che solo Unicredit e Intesa Sanpaolo superano oggi. Tutte le altre banche commerciali, un centinaio, dovranno aggregarsi per assumere dimensioni che consentano investimenti per ripulire gli attivi creditizi, potenziare le piattaforme tecnologiche e spesare il personale in esubero. Vedo in pochi anni la nascita di due nuovi grandi poli, e un mercato nazionale per due terzi controllato da quattro, più o meno come in Spagna, Francia, Gran Bretagna”.

Share
Share