Migranti, Gentiloni: impossibile promettere fine flussi

Share

Discorso del presidente del Consiglio per la celebrazione del cinquantennale della Comunità di Sant’Egidio

 

«Promettere la fine dei flussi migratori sarebbe impossibile e sbagliato». Le parole di Paolo Gentiloni vengono accolte dall’applauso prolungato della basilica di San Giovanni, gremita in occasione della celebrazione del cinquantennale della Comunità di Sant’Egidio.
«Promettere la fine dei flussi migratori sarebbe impossibile e sbagliato». Le parole di Paolo Gentiloni vengono accolte dall’applauso prolungato della basilica di San Giovanni, gremita in occasione della celebrazione del cinquantennale della Comunità di Sant’Egidio. La questione migratoria, tornata al centro della campagna elettorale dopo i fatti di Macerata, è il fil rouge che lega il discorso del presidente del Consiglio ai festeggiamenti dell’organizzazione, da sempre impegnata in favore dell’integrazione. I «corridoi umanitari» aperti in Siria e in Africa dalla Comunità di Sant’Egidio «sono una manifestazione di carità, ma anche l’indicazione di una risposta al fenomeno», sostiene Gentiloni. «Attraverso i corridoi umanitari – prosegue il premier – si apre infatti uno spiraglio attraverso cui gestire i flussi e questa è la strada giusta da intraprendere e su cui dovremo lavorare nei prossimi anni». Si avverte però con preoccupazione la veemenza con cui i populismi stanno affrontando il tema. «Il rischio – dice a La Stampa il presidente della Comunità di Sant’Egidio Marco Impagliazzo – è quello di non comprendere le angosce delle persone, ma di fomentarle soffiando sul fuoco delle paure». «Non voglio parlare male di un partito, siamo in una chiesa», scherza poi Impagliazzo, «ma anche se comprendo i toni eccessivi della campagna elettorale, consiglierei ai politici di parlare più della realtà e meno delle percezioni. L’immigrazione è una grande possibilità positiva per il nostro Paese». Numerosi i parlamentari e i ministri del governo presenti alle celebrazioni della Comunità di Sant’Egidio, da Marianna Madia a Luca Orlando, dal Presidente emerito Giorgio Napolitano a Gianni Letta, fino al presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani, di Forza Italia, chiamato a prendere la parola al termine della messa celebrata dal cardinale Pietro Parolin. Per Tajani, però la necessità è quella di «risolvere in Africa i problemi di quelle popolazioni», e di accogliere solo «chi fugge dalle guerre». Il presidente dell’Europarlamento, rivolto forse anche agli alleati della Lega che negli ultimi giorni hanno invocato la chiusura delle moschee, prosegue sottolineando l’importanza di una «vera apertura al dialogo: non un segno di debolezza della propria identità, ma di forza».
Seduta in prima fila anche la sindaca di Roma Virginia Raggi, che a La Stampa ribadisce la necessità di un intervento del governo sulla questione migratoria, «perché i numeri parlano di una pressione molto forte sulla Capitale». «Ringrazio la comunità di Sant’Egidio per gli sforzi che fa insieme al Comune», aggiunge Raggi, «ma è un impegno che non può essere sufficiente perché alla base manca una seria politica migratoria nazionale. I problemi che ha Roma a fronteggiare i flussi sono quelli di tutte le altre grandi città».

La Stampa

Share
Share