Elezioni, Facebook vuole combattere le fake news

Share

Facebook sta per lanciare anche in Italia una serie di misure contro le operazioni di disinformazione, per contribuire all’integrità della campagna elettorale di qui al voto del 4 marzo. Lo anticipa La Stampa di Torino, che aggiunge: “Facebook adesso non solo riconosce che sulla sua piattaforma sono avvenute interferenze e operazioni in America, dove peraltro è costretta da quattro inchieste federali o del Congresso, “ma che campagne di disinformazione pre-elettorale sono state o sono una minaccia reale in Europa. Il primo intervento previsto è un fact checking continuo affidato al network del Poynter International standard, in Italia il compito toccherà a Pagella Politica. Se una storia verrà giudicata falsa o parzialmente falsa, Facebook mostrerà nella sezione sottostante l’analisi dei fact-checker, e la abbasserà nel ranking dell’algoritmo che ne determina la posizione nel news feed. Gli utenti riceveranno una notifica se una storia che hanno condiviso è stata giudicata falsa. Facebook non cancellerà questi link (per ora la cosa non si estende a foto e video, ed è un limite). L’azienda produce poi anche un decalogo educativo per aiutare gli utenti a distinguere cosa sono le fake news. Il quotidiano torinese, nel pezzo firmato dall’inviato Jacopo Jacoboni, aggiunge: “Disinfo-ops avvennero in Italia di certo durante la campagna elettorale sul referendum costituzionale; fondamentalmente a opera di network pro M5S e network pro Lega o di destra, con in azione soggetti non ufficiali anche del mondo di centrodestra (in quella fase Forza Italia fu fieramente avversa all’allora premier Renzi). Facebook, come in Germania e Francia, chiuderà account fake in Italia? Richard Allan, vicepresidente di Facebook per le public policy in Europa, Medio Oriente e Africa, ci dà un’importante notizia: ‘Sì, account falsi verranno chiusi anche da voi, come abbiamo fatto in Germania e Francia. In passato abbiamo mancato il punto, non eravamo preparati a combattere la disinformazione, il nostro focus era proteggere dall’hacking degli account, o dallo spam. Ora cercheremo di avere un ruolo attivo nel mitigare le campagne di disinfo’.

ItaliaOggi

Share
Share