Elezioni, Bonino possibilista sulle alleanze post-voto

Share

“Con Berlusconi ho già governato” ammette la leader di + Europa a Circo Massimo su Radio Capital. Che si dice “addolorata” per l’esclusione di Manconi dalle liste del Pd

Emma Bonino

È dispiaciuta per l’esclusione di Luigi Manconi dalle liste del Pd. Critica la legge elettorale ma non esclude le larghe intese. “Dopo il voto si vedrà che cosa è possibile fare”, afferma Emma Bonino, leader di +Europa ai microfoni di Circo Massimo su Radio Capital, il programma condotto da Massimo Giannini e Jean Paul Bellotto. “Con Berlusconi ho già governato”, continua l’esponente radicale, “ma mancano ancora quattro settimane al voto. Non diamoci già per persi, altrimenti non vale la pena nemmeno cominciare”. Di sicuro, però, una grande coalizione non potrebbe comprendere anche Matteo Salvini: “Trovo molto pericolose le posizioni di chi dice che sta con Putin, Orban (il premier ungherese, ndr) e Trump“, continua Bonino.

Quanto alle liste, che si presentano entro le ore 20 di oggi  presso la Cancelleria della Corte d’Appello o del Tribunale di ogni singola circoscrizione elettorale, l’ex ministra degli Esteri, che si candida a Roma, si dice rammaricata dell’esclusione di Luigi Manconi da parte del Pd. E commenta: “La legge elettorale è discriminatoria, confusa e fatta all’ultimo minuto. Fare le liste è sempre un problema, ma rimane il fatto che le regole stabilite sono francamente incomprensibili”. E aggiunge: “L’esclusione di Manconi, almeno per chi ha molto a cuore i diritti civili, mi ha addolorato. Avremmo voluto recuperarlo ma era troppo tardi, ormai le liste erano chiuse”.

Nonostante il gradimento altissimo per Bonino, i sondaggi danno però il suo partito sotto il 2%. La leader radicale non riesce a spiegarselo, ma non si scoraggia: “Se abbiamo tentato questa scalata è perché non solo crediamo nel progetto europeista che sosteniamo, ma cerchiamo anche di arrivare alla testa oltre che al cuore degli italiani”.

Monica Rubino, Repubblica.it

Share
Share