Sec si estende in Sudamerica. La società ha acquisito il 51% della colombiana Newlink

Share

Fiorenzo Tagliabue, ceo di Sec

Sec fa rotta sul Sudamerica. La società indipendente nel mercato italiano dei servizi di advocacy, pr e comunicazione integrata, quotata all’Aim della Borsa di Londra, ha acquisito la maggioranza (51%) di Newlink Comunicaciones Estratégicas di Bogotà, la seconda agenzia di pubbliche relazioni in Colombia.

Il valore dell’operazione, chiusa lo scorso 30 dicembre, è pari a circa 2 milioni di euro, che sarà pagato attraverso un earn out di quattro anni.

Il prezzo finale sarà determinato dal raggiungimento di obiettivi di ebitda pari a una crescita del 12,5% per anno.

L’accordo prevede anche che, dopo 5 anni, gli azionisti di minoranza di Newlink possano esercitare un’opzione put sul rimanente 49% delle azioni, che sarà pagato per il 50% cash e per il 50% in azioni di Sec.

Newlink Comunicaciones Estratégicas è attiva nel mercato colombiano della comunicazione corporate, del public affairs e della comunicazione marketing con un portafoglio clienti che comprende marchi come Coca-Cola, Ford Foundation, Adidas, Sanofi, Bat (British American Tobacco), MichaelPage, Amgen, Colmena e Aldea. La società ha chiuso il bilancio 2016 con un fatturato di 2,8 milioni di euro e un ebitda di circa 250.000 euro.

Gli azionisti di minoranza di Newlink Comunicaciones Estratégicas manterranno la gestione dell’agenzia, dando così continuità al processo di sviluppo della società. María Claudia De Francisco Zambrano e Rafael Mora, manterranno quindi il ruolo di managing partner di Newlink e nello stesso tempo entreranno a far del management committee del Gruppo Sec, composto da tutti gli amministratori delegati delle società del gruppo e presieduto da Tom Parker, amministratore delegato di Cambre, l’agenzia con sede a Bruxelles specializzata nelle attività di advocacy e public affairs in ambito comunitario.

«Siamo molto soddisfatti», sottolinea Fiorenzo Tagliabue, ceo di Sec, «perché con questa acquisizione siamo ora in grado di presidiare un mercato di grande interesse e di potenzialità, che vede importanti gruppi europei presenti con investimenti e attività rilevanti; questo passo, inoltre, rappresenta un tassello fondamentale per la nostra espansione nell’intera regione latino-americana che, come si sa, rappresenta una realtà economica che va sempre più consolidandosi a livello internazionale. Da Bogotà, infatti, pianificheremo i prossimi passi in Sudamerica».

Secondo Tagliabue «l’operazione, dopo quelle avviate lo scorso anno in Europa, Middle e Far East e Australia, rende ancora più credibile agli occhi degli investitori il progetto di sviluppo internazionale presentato alla comunità finanziaria in sede di quotazione all’Aim di Londra avvenuta nel luglio 2016».

ItaliaOggi

Share
Share