Matteoli, i sospetti dall’autopsia. Che cosa ha ucciso il senatore: la reazione dura della famiglia

Share

Aumentano solo le ipotesi sulle cause che hanno ucciso l’ex ministro Altero Matteoli, morto lo scorso lunedì in un incidente stradale sulla via Aurelia vicino Grosseto. In attesa dei risultati dell’autopsia, che ancora non sono stati resi noti, i dubbi su cosa abbia portato all’incidente si concentrano su un possibile colpo di sonno che possa aver colpito il senatore di Forza Italia, un malore o una fatale distrazione. “Fare ipotesi sulle cause e sulla dinamica dell’incidente stradale – ha detto l’avvocato Franco Mugnai – è arbitrario e fuorviante essendo ancora in corso gli accertamenti della polizia stradale mentre quelli del consulente della Procura di Grosseto inizieranno il prossimo 19 gennaio. Altrettanto destituito di fondamento è avanzare ipotesi sull’autopsia che è stata effettuata stamani (il 20 dicembre, ndr) e i cui esiti non sono ancora noti“.
La camera ardente per l’ultimo saluto al senatore Altero Matteoli, deceduto martedì in un incidente stradale, sarà aperta giovedì al Senato dalle 9 alle 11. Le esequie si terranno alle 11,45 nella chiesa di Santa Maria sopra Minerva. La commemorazione ufficiale della storica figura della destra italiana, poi parlamentare Fi, da parte dell’aula di palazzo Madama avverrà alle 14.

Libero

Share
Share