Gli italiani si indebiteranno per le vacanze di Natale

Share

Una foto d’archivio del cenone

Il 24% degli italiani ricorrerà a un prestito per pagare regali di Natale, settimana bianca, vacanze o cenoni di Capodanno.
Lo rileva un sondaggio realizzato da Facile.it e Prestiti.it, secondo cui fra chi dichiara che ricorrerà a un finanziamento, oltre la metà (53.1%) cercherà di ottenere più di 2.000 euro, mentre il 47% ha un’età compresa fra 36 e 45 anni.
Guardando nel dettaglio le risposte di coloro che hanno intenzione di ricorrere a un prestito nel periodo delle feste, il 43,7% utilizzerà la somma per pagare la settimana bianca o una vacanza natalizia, il 40,6% per comprare i regali di Natale a parenti e amici. Interessante notare come il 15,6% di coloro che si rivolgeranno a un’azienda del credito lo farà per sostenere i costi del cenone o della festa di Capodanno.
Analizzando quali saranno i regali che gli italiani hanno intenzione di acquistare ricorrendo al credito al consumo emerge che, nel 33% dei casi, sarà un elettrodomestico. Seguono in classifica l’arredamento, che raccoglie il 26,7% delle preferenze, i giocattoli con il 20% e i beni tecnologici, tra cui smartphone, tablet e pc, indicati nel 13,3% dei casi.
Il 53,1% di chi farà ricorso a un prestito ha dichiarato di voler chiedere una somma superiore ai 2.000 euro, il 15,6% una cifra compresa tra il 1.000 e i 2.000 euro, mentre il 31,3% è orientato su un importo inferiore ai 1.000 euro.
Per quanto riguarda la durata del finanziamento, il 53% ha dichiarato di volerlo restituire in meno di 12 mesi, il 19% entro i 24 mesi, mentre meno di 1 su 3 il (28%) opterà per un piano rateale superiore ai due anni.
Guardando alle ragioni che spingono gli intervistati a fare richiesta di prestito, le donne sono più orientate a ricorrere a un finanziamento per regali di Natale e settimana bianca, gli uomini invece primeggiano tra coloro che vorrebbero destinare l’importo alle spese del cenone o della festa di Capodanno.
Analizzando gli importi, emerge che le donne polarizzano le proprie richieste e si orientano o verso i prestiti più contenuti (sotto i 1.000 euro), o verso quelli più elevati (superiori ai 2.000 euro). Gli uomini, invece, optano in prevalenza per un importo superiore ai 1.000 euro.
Dati interessanti emergono analizzando l’età di coloro che hanno dichiarato di voler ricorrere a un prestito personale; la fascia di popolazione più importante è quella compresa tra i 36 e i 45 anni (47%), seguono coloro che hanno fra i 26 e i 35 anni e quelli tra i 46 e i 60 anni (entrambi con il 18,75%).
Se si guarda a coloro che non intendono richiedere un prestito personale, il 49% ha dichiarato di ritenere i regali di Natale un motivo futile per ricorrere a una finanziaria, il 35% non ne ha bisogno, mentre il 16% non vuole aggiungere un nuovo finanziamento sul bilancio familiare.

ItaliaOggi

Share
Share