Meravigliosa Varsavia dal 1980 Patrimonio Mondiale dell’UNESCO

Share

“Ho sempre voluto visitare la Polonia, ma non sapevo da dove cominciare. Sono venuto a Varsavia e subito mi sono sentito nel cuore dell’Europa. Sono rimasto sorpreso dall’energia e dalla bellezza del luogo. E ‘una città che combina una ricca storia con una modernità dinamica. Sono stato in diversi locali, tutti molto divertenti e interessanti. Ogni giorno conoscevo nuovi luoghi e persone . Qui la vita e il divertimento hanno un sapore diverso e costano molto meno che in altri paesi europei!”

Varsavia è da sempre una città esuberante, movimentata, piena di vita. Nonostante una storia particolarmente travagliata, ha conservato caratteristiche che l’accomunano alle altre capitali dell’occidente europeo. Il suo spirito giovane la rende una città unica. Il brillante connubio tra antico e moderno, riscontrabile nella mentalità e nell’architettura, si realizza nel pieno rispetto delle tradizioni e assecondando la spinta naturale verso l’evoluzione. Varsavia è risorta dalle macerie della II Guerra Mondiale grazie all’appassionato impegno dell’intera nazione e alle eccezionali “Vedute del Cataletto”, splendidi dipinti, talmente dettagliati da dare l’illusione della realtà. Un’impresa davvero straordinaria, che ha consentito la ricostruzione fedele della Città Vecchia, centro storico e cuore della capitale, tanto da farla iscrivere nell’elenco del Patrimonio Mondiale della Cultura dell’UNESCO. Varsavia non è soltanto sede delle dell’amministrazione centrale, è anche il maggiore centro scientifico, culturale e artistico della Polonia. Nelle sue 70 università pubbliche e private, nei tantissimi istituti scientifici, studiano più di 200.000 studenti. Sono frequentatissimi i centri artistici e culturali, il teatro dell’opera, l’operetta, l’opera da camera, la filarmonica, i 28 teatri, 35 musei e 60 gallerie d’arte. Varsavia è una metropoli dinamica nel suo sviluppo, vanta molti prestigiosi alberghi, eleganti negozi e servizi di ogni tipo. Se sei appassionato di teatro, se ami la buona cucina e lo shopping, se ti piace far visita ai musei e ai mercatini, nessun’altra città polacca potrà offrirti le stesse opportunità. Lungo il “Tragitto Reale” si incontra buona parte degli edifici storici della capitale. Il percorso si snoda dalla zona della Città Vecchia e del Castello Reale fino al parco di Łazienki Królewskie (Bagni Reali) e al Palazzo del Belvedere. La Città Vecchia pullula di edifici e chiese storiche. La porta del “Barbacane” divide in due spezzoni le mura di cinta. Al centro della Città Vecchia c’è la Piazza del Mercato (Rynek Starego Miasta), simbolo di Varsavia. Le gallerie d’arte, i ristoranti, i tavolini dei caffè richiamano folle di turisti sulla piazza del Rynek che è anche il luogo d’incontro di pittori e ritrattisti, punto di partenza per gite in carrozza per la città. Nelle vicinanze, sull’omonima piazza, sorge il Castello Reale e poco più in là la colonna di Sigismondo III Vasa (22
metri), il re che nel 1596 trasferì la capitale della Polonia da Cracovia a Varsavia.

Via Krakowskie Przedmieście. Qui, come nella Città Vecchia, si concentra buona parte delle chiese storiche della capitale. Lungo Krakowskie Przedmieście sorgono antichi palazzi magnatizi, molti dei quali adibiti oggi ad uffici pubblici (gli edifici dell’Università di Varsavia, la sede dell’Accademia Polacca delle Scienze con la statua di Niccolò Copernico).

 

PoloniaTravel

Share
Share