Bankitalia, mozione del Pd contro Visco: “Serve figura idonea per nuova fiducia”

Share

I democratici contro il rinnovo del mandato al governatore uscente. “L’efficacia dell’azione di vigilanza messa in dubbio da ripetute e rilevanti situazioni di crisi o di dissesto di banche”. Le opposizioni: “Rimandare la nomina a dopo le elezioni”

Ignazio Visco

Il Pd ha presentato in aula alla Camera una mozione che non rinnova l’incarico del governatore di Bankitalia Ignazio Visco, il cui mandato scadrà a fine ottobre. Si impone dunque la linea del segretario Matteo Renzi, che da tempo lavora alla successione del governatore dopo gli scandali bancari dei mesi scorsi.

ll Pd impegna il governo “ad adottare ogni iniziativa utile a rafforzare l’efficacia delle attività di vigilanza sul sistema bancario ai fini della tutela del risparmio e della promozione di un maggiore clima di fiducia dei cittadini individuando a tal fine, nell’ambito delle proprie prerogative, la figura più idonea a garantire nuova fiducia nell’Istituto”, si legge nel testo della mozione anticipata dall’agenzia Ansa.

“La nomina dell’attuale governatore – scrive ancora il Pd – risale al novembre del 2011 ed è, pertanto, imminente l’obbligo di procedere al rinnovo della carica che, ai sensi dell’articolo 19, comma 8, della legge 28 dicembre 2005, n.262, è disposta con decreto del presidente della Repubblica, su proposta del presidente del Consiglio dei ministri, previa deliberazione del Consiglio dei ministri, sentito il parere del Consiglio superiore della Banca d’Italia; si tratta di una scelta particolarmente delicata in considerazione del fatto che l’efficacia dell’azione di vigilanza della Banca d’Italia è stata, in questi ultimi anni, messa in dubbio dall’emergere di ripetute e rilevanti situazioni di crisi o di dissesto di banche, che a prescindere dalle ragioni che le hanno originate – sulle quali si pronunceranno gli organi competenti, ivi compresa la Commissione d’inchiesta all’uopo istituita – avrebbero potuto essere mitigate nei loro effetti da una più incisiva e tempestiva attività di prevenzione e  gestione delle crisi bancarie”.

Nel testo della mozione si rileva inoltre che “le predette situazioni di crisi o di dissesto hanno costretto il governo e il Parlamento ad approvare interventi straordinari per tutelare, anche attraverso l’utilizzo di risorse pubbliche, i risparmiatori e salvaguardare la stabilità finanziaria, in assenza dei quali si sarebbero determinati effetti drammatici sull’intero sistema bancario, sul risparmio dei cittadini, sul credito al sistema produttivo e sulla salvaguardia dei livelli occupazionali”.

Le opposizioni, tra cui Sinistra italiana, sono invece favorevoli a rimandare la nomina del nuovo governatore a dopo le elezioni.

Repubblica.it

Share
Share