Alitalia, i 300 milioni del governo che aiutano la trattativa per la vendita

Share

Il decreto fiscale ha messo a disposizione altri 300 milioni per consentire il salvataggio di Alitalia e ad avere tempo fino ad aprile 2018 per giungere alla vendita della compagnia. Lunedì alle 18 scadono i termini per presentare le proposte di acquisto. Lufthansa è tra i big in gara

Il governo con il decreto fiscale varato venerdì ha aggiunto 300 milioni alla dote per consentire il salvataggio dell’Alitalia. O meglio, per avere tempo fino ad aprile del 2018 per procedere alla vendita della compagnia aerea. Questo non cambia però la scadenza fissata per lunedì 16 per presentate entro le ore 18 le proposte di acquisto di tutta o parte dell’Alitalia: la proroga del «prestito ponte» concesso dal governo non inficia la scadenza prevista per le offerte vincolanti. Grazie alla decisione dell’esecutivo, i commissari avranno però sei mesi in più per trattare. Entro il 30 aprile i potenziali acquirenti potranno, infatti, migliorare le offerte e poi i commissari decideranno. Il perfezionamento dell’operazione sarà infine sottoposto all’Antitrust europeo che, abitualmente, decide nell’arco di quattro-sei mesi.

Insomma, bene che vada, l’Alitalia rimarrà nell’attuale situazione fino al prossimo autunno. Riguardo alla nuova tranche di prestito, fonti ben informate fanno presente che attualmente non è necessario visto che «in cassa» ci sono ancora i 600 milioni già erogati dal governo ma, vista la stagionalità del trasporto aereo che penalizza il periodo invernale, la nuova iniezione di liquidità serve a dare ulteriore serenità alla gestione evitando allarmi che scoraggerebbero le prenotazioni e gli acquisti di biglietti danneggiando la società. Bisognerà dunque attendere lunedì 16. Il gruppo tedesco Lufthansa si è fatto avanti e ha dichiarato più volte il suo interesse, si è invece ritirata RyanAir. Tra i nomi che circolano c’è anche Easyjet. Ma si dovrà aspettare l’apertura delle buste.

Nicola Saldutti, Corriere della Sera

Share
Share