Palermo, arrivata la “nave dei bambini”: a bordo 241 minori, mai così tanti

Share

Salvati dalla Aquarius di Sos Méditerranée sulla rotta libica. L’imbarcazione ha attraccato nel porto del capoluogo siciliano questa mattina

Diversi naufraghi presentano sintomi di malnutrizione e appaiono provati dalla prolungata mancanza di cure, un giovane porta i segni di ferite da arma da fuoco e da machete. Numerose donne di origine subsahariana hanno dichiarato di essere state ripetutamente vittime di violenze sessuali e di essere state imprigionate per diversi mesi.”Un naufrago su tre è bambino o adolescente”, ha confermato Madeleine Habib,coordinatrice Sar (Search and Rescue) di Sos Méditerranée. I migranti soccorsi martedì e mercoledì provengono da più di 15 Paesi differenti: Siria, Egitto, Mali, Costa d’Avorio, Guinea Bissau, Sudan, Marocco, Somalia, Eritrea, Senegal, Camerun, Nigeria, Liberia, Etiopia, Algeria, Ghana, Benin, Gambia, Yemen. Tra loro anche un migrante originario della Turchia; 50 sono i richiedenti asilo siriani in fuga dalla Libia, tra i quali intere famiglie con bambini.C’è anche un giovane che porta i segni di ferite da arma da fuoco e da machete, tra le 606 persone arrivate oggi a Palermo a bordo della nave Aquarius di Sos Méditeranée. Lo rende noto la stessa organizzazione umanitaria. Diversi naufraghi presentano sintomi di malnutrizione e appaiono provati dalla prolungata mancanza di cure. Numerose donne di origine subsahariana hanno dichiarato di essere state ripetutamente vittime di violenze sessuali e di essere state imprigionate per diversi mesi. Cinquanta persone sono richiedenti asilo siriani in fuga dalla Libia, e tra questi intere famiglie con bambini e due donne incinte al nono mese di gravidanza. “Siamo fuggiti dalla Siria e siamo arrivati in Libia nel 2012. Ho lavorato nel settore delle costruzioni. Ma presto in questo Paese tutto è diventato caotico, non ci sono più soldi, né lavoro. Tutto ormai ruota intorno al racket e al traffico di esseri umani” ha spiegato un siriano ai volontari della ong.

La Repubblica

Share
Share