Lufthansa chiude con Air Berlin e corre per una «nuova Alitalia»

Share

Dopo rumors e abboccamenti, arriva il giorno dell’ufficialità: Lufthansa oggi firmerà l’accordo per l’acquisizione di una parte di AirBerlin, società in stato di insolvenza dall’estate scorsa. Lo ha detto il ceo della principale compagnia aerea tedesca Carsten Spohr. «Oggi vedremo porre una pietra miliare nella storia di Lufthansa e AirBerlin», ha dichiarato. La seconda società – che negli ultimi dieci anni ha lottato duramente per tenersi in utile – il 15 agosto è arrivata a un passo dal fallimento e soltanto un robusto prestito del governo ne ha scongiurato il fallimento. Tra i pretendenti c’era anche la britannica easyJet: lo scorso mese si disse che le trattative con quest’ultima sarebbero durate fino al 12 ottobre.

In corsa anche Easyjet
Lufthansa rileverà 81 aerei e 3mila dipendenti dalla compagnia Air Berlin in fallimento. Air Berlin ha una flotta di 144 aerei e 8.500 dipendenti. Entro giovedì Air Berlin vedrà dividere le proprie attività tra Lufthansa e la compagnia britannica lowcost Easyjet. Le altre attività di Air Berlin che possono rientrare nell’affare sono gli slot per decolli e atterraggi nei due hub di Air Berlin, Berlin Tegel e Duesseldorf.

Sale il titolo Lufthansa
Fonti vicine al dossier ieri facevano riferimento alla possibilità che Lufthansa acquistasse Niki, partner austriaco di AirBerlin. EasyJet, che ha una base all’aeroporto di Berlino Schoenefeld, trattava per l’acquisto di 27-30 aerei, ma i colloqui, a quanto riportavano i media la scorsa settimana, erano in stallo. Spohr aveva precedentemente dichiarato che, per concludere l’operazione con AirBerlin, attendeva il placet dell’Unione europea, partita che si dovrebbe sbloccare per la fine dell’anno. Le azioni Lufthansa hanno visto crescere il loro valore del 2,9%, portandosi a 25,27 euro, migliore performance borsistica odierna del mercato tedesco.

Interesse per una «nuova Alitalia»
Lufthansa ha confermato l’interesse per Alitalia, ma non nella sua attuale forma. «Alitalia per come esiste oggi non è in discussione – ha spiegato Spohr – Ma se ci fosse l’opportunità di creare una nuova Alitalia, allorra Lufthansa sarebbe la prima compagnia europea interessata». Le offerte per Alitalia scadono il prossimo 16 ottobre.

Il Sole 24 Ore

Share
Share