Tv, 5,4 mln di utenti al mese commentano sui social. Nielsen include anche Instagram

Share

Sono stati 5,4 milioni gli utenti unici in Italia che hanno commentato ogni mese, almeno una volta su Facebook e Twitter, i programmi televisivi trasmessi da 34 emittenti digitali terrestri e satellitari tra gennaio e giugno scorso. Secondo le elaborazioni Nielsen sulla base dei dati semestrali di Social Content Ratings, la soluzione per la misurazione della social tv in termini di attività e di audience, le interazioni complessive generate sulle due piattaforme social sono state 124 milioni e, per il 40% dei casi, lo sport ha continuato a farla da padrone.
In particolare, tra contenuti originali via post e tweet e attività di engagement nelle forme di commenti, risposte, condivisioni, like, retweet e citazioni, il picco degli utenti unici è stato raggiunto a febbraio, con 7,4 milioni di persone.
Scendendo nel dettaglio delle performance di Facebook e Twitter rispettivamente, il 94% degli autori dei contenuti online ha preferito il social network di Mark Zuckerberg, il restante 6% ha scelto quello di Jack Dorsey. Spostandosi sul versante delle interazioni, Facebook ha raccolto l’84% e Twitter il 16%. Per quanto riguarda i generi televisivi più commentati, invece, lo sport pesa per il 40% dei 124 milioni di interazioni, l’intrattenimento per il 34%, talent e reality insieme generano il 13%, talk show e approfondimento politico il 6% e ancora serie televisive e fiction un altro 3%. Considerando inoltre i generi, su Facebook domina lo sport con il 47% delle interazioni mentre Twitter incanala soprattutto i «cinguettii» incentrati sull’intrattenimento (con una quota del 32%).
Ancora, guardando ai dati demografici degli utenti online, prevale leggermente il genere maschile (51%) ma, escludendo sport e talent o reality show, prevalgono le donne.
Fotografie del mercato internet che interessano le aziende che investono in pubblicità, hanno sottolineato da Nielsen, dovendo considerare per esempio che gli internauti tra i 25 e i 34 anni sono quelli complessivamente più attivi, anche se format come i talk show e le trasmissioni d’intrattenimento politico coinvolgono in particolar modo gli over 55 (pari al 42% della loro audience). Infine, un dato da rammentare è che l’attività sui social non si concentra solo in contemporanea ai programmi seguiti, ossia nelle stesse fasce orarie in cui sono trasmessi i format tv. Il 41% delle conversazioni è avvenuto infatti in giorni diversi dalla messa in onda. È il 59% che ha seguito una modalità «lineare», durante il programma o nelle tre ore precedenti e successive. Sul totale della attività, il 51% avviene in modalità «non lineare» per Facebook, a differenza di Twitter che attira maggiormente l’attività in diretta e dove, per l’appunto il 78% delle interazioni è in modalità «lineare».

ItaliaOggi

Share
Share