Fisco, tutte le scadenze di giugno

Share

Tasse, in arrivo un mese nero per i contribuenti. Entro il 16 giugno, infatti, i cittadini italiani saranno chiamati a versare all’erario Imu e Tasi (tasse sulla casa di proprietà) mentre il 30 giugno è il termine ultimo per il versamento di Irpef, Ires e Irap (come da dichiarazione dei redditi modello Unico). Tali disposizioni valgono sia per le persone fisiche che per le società di persone (in relazione all’Irpef) e in caso di operazioni straordinarie effettuate prima del 31 dicembre dell’anno per il quale viene presentata la dichiarazione dei redditi. Ecco quindi il calendario fiscale completo – stilato dalla Cgia di Mestre – con la lista di tutte le tasse da pagare nel mese di giugno 2017. 15 GIUGNO – Chi ha presentato domanda di adesione agevolata per la rottamazione delle cartelle Equitalia riceverà gli opportuni conteggi con gli importi delle rate da versare e la data di scadenza di ciascuna di esse. 16 GIUGNO – Dal versamento dell’Iva per i contribuenti mensili al pagamento della Tariffa sui Servizi Indivisibili (Tasi), il 16 giugno è un giorno ricco di appuntamenti fiscali: – Versamento ritenute Irpef di dipendenti e collaboratori. – Versamento contributi previdenziali e assistenziali dipendenti e collaboratori. – Versamento Iva mese di maggio (contribuenti mensili). – Versamento acconto Imu. – Versamento acconto Tasi. 26 GIUGNO – Invio telematico elenchi Intrastat contribuenti tenuti alla presentazione mensile. 30 GIUGNO – Gli adempimenti fiscali in programma per l’ultimo giorno del mese – stando sempre al calendario stilato dalla Cgia – sono i seguenti: – Sostituti di imposta: invio telematico modello ‘Uniemens’ (relativo dati retributivi e contributivi). – Persone fisiche e società di persone: versamento imposte a saldo e in acconto (prima rata) del Modello unico-Irpef, add.li Irpef, Irap, Inps Artigiani e Commercianti ecced. Minimale, cedolare secca. – Soggetti Ires: versamento imposte a saldo e in acconto (prima rata) del Modello Unico-Ires, Irap. – Versamento del diritto annuale per la Camera di Commercio. – Presentazione in banca o posta del Modello Unico per i soggetti non obbligati alla presentazione telematica. – Dichiarazione Imu/Tasi. – Comunicazione all’Agenzia delle Entrate dei dati anagrafici dei clienti relativamente ai contratti in essere nell’anno precedente da parte di società che esercitano attività di leasing o operatori che svolgono attività di locazione o noleggio di autovetture, caravan, altri veicoli, unità da diporto e areomobili devono.

Tiscali.it

Share
Share