Saliscendi/ La Verità

Share

di Cesare Lanza

ANGELA MERKEL

Piaccia o no, domina nella politica in Europa. A me non piace. Se fossi tedesco, voterei per lei. Come hanno fatto gli elettori nel Nord Reno-Westfalia. Prendo atto che la Merkel sta riuscendo senza armi – a fare quello che non è riuscito alla Germania con varie guerre: soffocare i Paesi europei. Finanziariamente. I debiti sono peggio della morte, dicevano i nostri saggi.
.
.

MATTEO RENZI

La butta in caciara per difendere la sua cocca, Maria Elena Boschi, nella disfida con Ferruccio de Bortoli: attacca l’ex direttore del Corriere della Sera sul piano personale e fa il santarello invocando l’inchiesta (durerà anni!) di una commissione: un mezzo sicuro e tradizionale per insabbiare la pratica. Ma il punto è semplice: la Boschi ha mentito o no al Parlamento?
.
.
.

MATTEO SALVINI

salvini_matteoVince senza problemi le primarie della Lega (82,7%) con fermezza ma senza arroganza le critiche di Umberto Bossi. Ma soprattutto è il primo ad alzare la voce su questo inatteso annuncio; sbarchi vietati per il G7, a Taormina, il 26 e il 27 maggio: per una settimana niente approdi di migranti sulle coste siciliane! Allora è possibile, se si vuole, fermare l’invasione!
.
.
.

BRIGITTE MACRON

Tutti (o quasi) i giornali la celebrano vezzosamente per il bel completino in colore carta da zucchero, nel giorno dell’insediamento di Emmanuel Macron all’Eliseo. Consapevole 0 no, la scelta imita tuttavia quella di Melania in occasione della presa di potere di Donald Trump (e prima di Jackie Kennedy). Alla faccia dell’originalità! Non era la Francia la patria della moda?
.
.

ALBANO CARRISI

Ammirevole l’energia del popolare cantante. Dice che il corpo accusa i colpi, infarto e ischemia («Mi ha presentato il conto»). È contestualmente parla di nuovi programmi. Continuare a cantare con Romina Power. Un nuovo viaggio in Russia, da Vladimir Putin. Un duetto con Mina. «Spesso ho avvertito il demonio vicino a me. Ma da qualche anno, per fortuna, mi lascia in pace».
.
.
.
.

MASSIMILIANO ALLEGRI

L’allenatore più forte del mondo non è un extraterrestre! Nella partita con la Roma (persa per 3-1) inconsueti errori… Ha lasciato fuori Dybala, la Juve è apparsa poco aggressiva nel secondo tempo, i cambi non sono stati convincenti. Ha dato l’idea di aver snobbato l’avversario. Domani, nella finale di Coppa Italia con la Lazio, possibilità di riscatto.

di Cesare Lanza, La Verità

Share
Share