Boschi chiese a UniCredit di comprare la banca del papà?

Share

Nel libro “Poteri forti (o quasi)” Ferruccio De Bortoli rivela la richiesta della ministra, che ha sempre smentito di essersi interessata a Banca Etruria, di cui il padre era vice-presidente

Banca Etruria: FI, Ghizzoni sia audito in Commissine Camera 
“Abbiamo avanzato una richiesta formale al Presidente della Commissione Finanze della Camera, Maurizio Bernardo, affinche’ convochi ufficialmente per un’audizione l’ex amministratore delegato di Unicredit Federico Ghizzoni. Su cosa Ghizzoni debba essere audito e’ facilmente immaginabile”.
Lo dichiara in una nota Pietro Laffranco, deputato di Forza Italia, che spiega “E’ necessario infatti, dopo le affermazioni fatte da Ferruccio De Bortoli nel suo libro, capire se davvero il Sottosegretario Maria Elena Boschi quando era Ministro per le Riforme abbia chiesto all’ex ad di comprare la ‘banca del suo babbo’, ossia Banca Etruria”. Per Laffranco “Questi ultimi inquietanti risvolti legati a Banca Etruria dimostrano, qualora ve ne fosse bisogno, che Forza Italia aveva ragione quando ha chiesto a gran voce che la questione delle banche popolari venisse inserita nella Commissione d’inchiesta bicamerale sul sistema bancario. E se a pensar male si fa peccato ma a volte ci si azzecca oggi viene facile sospettare che il Pd abbia voluto tener fuori le popolari dalla Commissione perche’ forse qualcosa da nascondere c’e'”

Banca Etruria: Bianconi (Ap), spetta a Ghizzoni chiudere vicenda 
Il ministro Boschi ha smentito in Aula, lo ha fatto ieri in maniera ferma adesso tocca a Ghizzoni chiudere definitivamente la vicenda, dicendo una parola chiara. In questo momento l’Italia non ha bisogno di confusione e men che mai di polveroni che avrebbero come unico effetto quello di indebolire prima di tutto il nostro Paese oltre che governo e maggioranza”. Lo ha detto la presidente di Alternativa popolare-Centristi per l’Europa, Laura Bianconi partecipando alla trasmissione Coffee break.

Banca Etruria: Gasparri, De Bortoli piu’ credibile di Boschi 
“E’ piu’ credibile Ferruccio De Bortoli o Maria Elena Boschi? De Bortoli e’ un giornalista che si e’ sempre tenuto lontano dal sensazionalismo, e se ha scritto dell’interessamento di Boschi per la vendita di Banca Etruria avra’ le sue ragioni. Tutto finira’ in una bolla di sapone, non ci sara’ nulla di penalmente rilevante e d’altra parte noi per primi siamo sempre stati garantisti a 360 gradi. Tuttavia, se ha ragione De Bortoli, Boschi ha mentito ancora una volta“. Lo afferma in una nota il senatore di Forza Italia, Maurizio Gasparri.
“Lo ha fatto quando disse, come Renzi, che si sarebbe ritirata dalla politica in caso di sconfitta al referendum. Lo ha fatto – prosegue – quando in Parlamento si e’ dichiarata totalmente estranea alle vicende dell’Etruria che coinvolgevano il padre ma della cui vendita pare si sia lei stessa interessata. Ribadiamo che forse non ci sara’ alcuna rilevanza penale – osserva – ma di certo ancora un’altra abbondante dose di fango e’ caduta su questi innovatori del nuovo corso del Pd, che si sono occupati della Consip, delle banche dove lavoravano i parenti, che avevano al seguito genitori ingombranti. Tutto squallidamente analogo ad antiche vicende del passato. Dovevano rottamare e invece si sono rivelati uguali a quelli che volevano liquidare. Ne’ meglio sono i 5 Stelle che da Palermo alla catastrofica Raggi stanno dimostrando la loro pochezza personale, politica e morale. Rottamiamo i rottamatori prima che rottamino l’Italia. Boschi, Raggi e compagnia a casa. Al piu’ presto” conclude Gasparri.

Banca Etruria: Fassino, Boschi? Panna montata io credo a lei 
“Sto a quello che ho letto sui giornali: il libro di De Bortoli ipotizza uno scenario e la Boschi ha smentito. Io non ho altri elementi di conoscenza e ho ragione di credere a quanto detto dalla Boschi. Si e’ montata una panna che non ha ragione di essere. E’ un altro modo di delegittimare la politica agli occhi dei cittadini“. Cosi’ Piero Fassino (Pd) a Rai News 24 a proposito della vicenda della Banca Etruria.

Banca Etruria: Bersani, senza chiarezza dimissioni Boschi 
“Senza chiarezza l’unica strada sono le dimissioni“. Pier Luigi Bersani fa sue le parole di Roberto Speranza sulla vicenda Banca Etruria. Conversando con i giornalisti a Montecitorio, l’ex segretario Pd e esponente di Articolo 1 – Mdp chiarisce: “la nostra linea e’ quella tracciata da Speranza”, quindi “senza un chiarimento” di Boschi “l’unica strada sono le dimissioni”.

Share
Share