FESTIVAL DI SANREMO 2017 / LE PAGELLE DELLA QUARTA SERATA

Share

(di Maria Antonietta Serra e Donato Moscati)

Potevamo mancare per la quarta serata? Quella in cui si elegge il vincitore tra i giovani? Certo che no! Quindi che s’attacchi con la sigla dell’eurovisione e via andare.

Carlo Conti: nero lui, nero lo smoking, nera la scenografia, tutto nero tranne l’umore del bravo presentatore che l’ha sfangata anche quest’anno. Voto: 8

Leonardo Lamacchia: è il depresso del gruppo che è stato appena lasciato. Look da bohémien consumato. La lagna è finita, puoi andare in pace. Voto: 5

Lele: amico di Maria e fidanzato di Elodie, conflitti d’interesse ne abbiamo? Vincerà lui anche se la canzone non è sto granché. Elegantino. Voto: 6

Maldresto: ci ripropina “Canzone per Federica”, stasera è in modalità De Gregori. Personalità latitante di questi CCCCCIOVANI. Nonostante il giudizio è il nostro vincitore. Voto: 7

Francesco Guasti: se non hai un barbone ed il baffo a manubrio non puoi cantare. La voce roca ci ha stufati così come la canzone che hai presentato. Voto: 4

Kitonb: ballo che cerca di somigliare ai Momix e giochi di luce laser. Suggestivo nel finale. Voto: loro saranno pure bravi ma per il festival ci sta come il parmigiano sulle cozze

Maria De Filippi: pizzo nero su base bianca un po’ anni ’30. Finalmente senza gingilli ad appesantirla. Per la seconda uscita ancora in nero ma con camicia e pantalone. Stasera ci piace assai. Voto: confermatissimo il 110

Ron: si c’è ancora! È uscito dalla porta e rientrato dalla finestra. Ripropone la canzone che non ci piace. Dai che stasera è la volta buona…che te ne torni a Dorno. Voto: 3

Chiara: vestita meglio delle altre sere ed anche miracolosamente pettinata. Ineccepibile la voce, bello il testo e bella la musica…peccato che non siano mantecati tra loro. Voto: 6 perché le vogliamo bene

Samuel: certo questo terzetto all’inizio è infierire sul pubblico che ci mette la buona volontà a seguire il festivalone. Samuel lo abbiamo già detto le fa tutte uguali però…. Voto: 6

Albano: ecco la mazzata. Ha recuperato la voce dall’oggi al domani. Sparge acuti per la sua romanza che strappa applausi all’Ariston. Nazionalpopolare. Voto: 6

Gaetano Moscato e il nipote Filippo: sopravvissuto all’attentato di Nizza. Una bella testimonianza. Voto: ci asteniamo

Ermal Meta: fresco del trionfo delle cover è Edward mani di forbici. Testo profondo. Il ragazzo si farà anche se… Voto: 7

Maurizio Crozza: inizia imitando Pagnoncelli. Performance non convincente perché non sorprendente. Devi rimediare per la finale e stupirci. Voto: 6

Michele Bravi: sempre più bianco, domani sera potrebbe diventare trasparente. La canzone al secondo ascolto ci piaciucchia. Voto: 6+

Marìca Pellegrinelli: hai capito la signora Ramazzotti? Bella, simpatica, elegante e vestita bene. Candidata ideale per il 2018. Voto: 10

Fiorella Mannoia: ha recuperato rispetto alla serata cover per quanto riguarda il look, charmant in tailleur nero. La canzone ci piace. Voto: 10…siamo buoni stasera eh

Clementino: non ha un amico sincero che gli dica che questo look da bimbominchia non gli si addice più? Dai che se ci va bene domani sera ce lo risparmiano. Voto: 4

Antonella Clerici: tornata a condurre il Festival? No! Presenta una canzone? No! Sfila per qualche maison particolare? No! È qui per promuovere il suo programma. Sul palco dell’Ariston con un abito riciclato dall’edizione che ha condotto. Voto: ci sta simpatica quindi la salviamo.

Lodovica Comello: Una domanda ci affligge da martedì sera: perché Lodovica e non Ludovica? Non è che qui ci chiamiamo Dunato o Marau Antuniett. Detto questo, sei molto brava a presentare il quiz in macchina…perché ci affliggi cantando? Voto: 4

Gigi D’Alessio: Non ha resistito ed è tornato con la camicia aperta tipo “Scandalo al sole”.  Piccola postilla: il Gigione non ha un pelo sul petto. Vuoi vedere che Anna lo vuole tutto bello liscio? La canzone non ci piace proprio. Voto: 4

Virginia Raffaele: nei panni di Sandra Milo è esilarante. Ecco l’esempio di comicità che funziona. Voto: 10 e lode

Paola Turci: bellissima in tailleur bianco è la più elegante del Festival anche senza reggiseno non rischia la volgarità. “Fatti bella per te” è un bel pezzo. Voto 8

Marco Masini: Natale è passato da un pezzo e questo rosso non c’azzecca proprio niente. 343057452554545012039499 parole e tutte inutili. Marco non sei un rapper ne Claudio Baglioni, tutte ste parole per dirci “E se è non strettamente vitale non rinunciamo ad amare”. Meno Marchè…meno! Voto: 5

Francesco Gabbani: lo abbiamo talmente cazziato per i maglioncini che alla fine si è arreso e si è presentato vestito da scimmia.NO COMMENT! Bella la song, tanto da fa ballare il pubblico mummificato in sala. Voto: 7 +

Luca Zingaretti: più che il Festival è la presentazione dei palinsesti di Raiuno. Anche lui in promozione. Voto: Mancano la Isoardi, la Daniele e Marzullo e li abbiamo visti tutti.

Michele Zarrillo: Classica melodia sanremese e zarrilliana. Lui sempre uguale, come tutte le altre sere, come da 30 anni. Voto: 5

Bianca Atzei: Piange mentre canta. A) Ha capito che dopo questa i giochi sono finiti. B) Ha scoperto che Pepa del Segreto è morta. C) Ha visto in sala Biagi che baciava Vessicchio. Il brano non è male ma lei…Voto: 5

Sergio Sylvestre: il gigante buono porta a casa il podio. Voce black e coro fanno sempre effetto. Il LIKE è d’obbligo. Voto 7 +

Elodie: non possiamo lasciarti sola due minuti, prima le sopracciglia ora quel vestitino da bambolina dell’800 con spalline che ti arrivano alle orecchie. Ti assolviamo solo perché il pezzo ci piace e lo canti bene. Domani sera vestiti bene. Voto: 7

Fabrizio Moro: “So figo e ce lo so” . Bello il testo, bella la musica…bello tutto, tutto bello! Voto: 7

Giusy Ferreri: ripresa per i capelli ieri sera, non ti puoi presentare con un lungo animalier che non va più di moda da circa 40 anni, ma nemmeno per scendere in spiaggia. “Fa talemente male” vederti così conciata. Voto: 5

Alessio Bernabei: Fortunatamente ce lo hanno tenuto per ultimo, resta grazie al voto delle ragazzine in preda all’ormonella. Non vediamo l’ora che finisca. Vota: 2

Robin Schulz: coriandoli come al carnevale di Rio, musica dance ed è subito Pacha di Ibiza. Il tizio ha messo la prima cosa che ha trovato. Voto: Buonanotte ai suonatori.

Share
Share