La legge sul biotestamento incassa la benevolenza dei medici cattolici di Milano

Share

I Medici Cattolici di Milano salutano con favore la norma sul biotestamento approvata giovedì dal parlamento. La mediazione trovata a livello parlamentare risponde in più parti al documento promosso da A.M.C.I. Milano sul tema disposizioni anticipate pubblicato nel 2009 anche sul tema alimentazione\idratazione. “La legge, frutto di un onorevole compromesso, rispetta i dettami della Costituzione e la carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea (diritto alla vita e alla salute). Rispetta l’autonomia decisionale del malato e al contempo l’autonomia professionale e responsabilità del medico. Valorizza la relazione di cura nella forte alleanza terapeutica medico-paziente e familiari, attraverso decisioni partecipate nella pianificazione delle cure. Garantisce la libertà del malato nella sua fragilità per non sentirsi abbandonato, né oggetto di un’applicazione rigida e impersonale di schemi terapeutici inadeguati o sproporzionati. Dice un no chiaro all’eutanasia e va ben oltre l’accanimento terapeutico. L’obiezione del medico non si pone perché il medico può disattendere le DAT quando sono palesemente incongrue” – sottolinea il Dott. Alberto Cozzi, Presidente Associazione Medici Cattolici italiani – Sezione di Milano.