La NOTA DIPLOMATICA di James Hansen

Share

carro-armatoCarri pesanti — Si dice che i generali preparano sempre l’ultima guerra, non la prossima. I russi, per
esempio, hanno la fissa dei carri armati, che—Stalingrado a parte—gli hanno permesso di schiacciare la
Wehrmacht tedesca nella Seconda Guerra Mondiale.
I carri sovietici dell’epoca non erano a livello dei Panzer, ma i carri tedeschi, costosi da fabbricare, erano pochi e avevano una meccanica da orologio svizzero, di difficile manutenzione. Quelli russi erano rozzi, semplici e, soprattutto, tantissimi. Il successo contro i Nazisti ha anche insegnato una lezione duratura e semplice: se devi invadere
l’Europa—o anche solo minacciare di farlo—bisogna avere molti carri.
I carri da combattimento—i “main battle tanks” (MBT) in inglese—sono le regine della guerra terrestre.
Quelli più “quotati” sono gli Abrams americani, i Leopard tedeschi, i Challenger inglesi, i Leclerc francesi e
la serie dei Merkava israeliani. Anche l’italiano Ariete è abbastanza considerato. Sono straordinariamente
costosi. Un M1A2 Abrams parte al momento da circa 8,6 milioni di dollari e un Leopard 2 A7+ potrebbe
arrivare fino ai $10 milioni con tutti gli optionals.
I carri russi invece, le serie T-72 e T-90, erano rimasti indietro—mezzi solidi e rodati sì, ma non facevano
venire i brividi di terrore. Ora però uno splendido nuovo disegno russo, il T-14 “Armata”, sta agitando gli
analisti occidentali. Una recente relazione dell’intelligence britannica asserisce che: “Armata rappresenta
il più rivoluzionario passo avanti nel disegno dei carri dell’ultimo mezzo secolo”.
Del nuovo design sono particolarmente ammirate la torretta—totalmente automatizzata, digitalizzata e
senza “passeggeri” umani—e la “capsula” blindata di protezione per l’equipaggio giù nel corpo del
mezzo, completamente separata dal magazzino delle munizioni. Armata dispone di un’armatura reattiva
di ultima generazione, nonché di sistemi di protezione attivi che abbattono i colpi ostili in arrivo a una
velocità fino a tremila metri al secondo. L’arma principale è un cannone da 125 mm a canna liscia, capace
di sparare dieci colpi al minuto con un gittata effettiva di sette km e una “velocità alla volata” superiore
al più potente cannone da carro Nato attualmente in servizio, il Rheinmetall 120 mm montato dal
Leopard 2 tedesco. Secondo gli analisti, la torretta potrebbe in futuro accogliere un nuovo “tubo” da 152
mm già in sviluppo—una prospettiva che non genera entusiasmo in Occidente.
È l’intelligence inglese ad agitarsi in modo particolare. Altri se ne preoccupano molto meno—non
perché Armata non prometta di essere un mezzo formidabile, ma perché dubitano che i russi possano
permettersi di fabbricarlo in numero sufficiente per diventare un pericolo. Per ora, ne esistono solo venti
esemplari, tutti piattaforme di prova. La produzione vera dovrebbe iniziare nel 2018 per raggiungere poi
le 120 unità l’anno se tutto va bene. Ma anche se va male è un problema, o forse un sintomo…
Lord West di Spithead, già “First Sea Lord” e ascoltato esperto di affari militari, ha detto in una recente
intervista al Telegraph di essere “molto preoccupato” per il riarmo russo: “Al momento, la loro è
un’economia di guerra. Hanno il PIL dell’Italia, ma tentano di spendere per la difesa come gli americani.
Ciò che fanno è insostenibile, e quando una cosa è insostenibile, allora può succedere di tutto”.

Share
Share