Mindshare, le esperienze a confronto

Share

roberto-binaghiTecnologia, giornalismo, televisione, innovazione digitale sono stati l’altroieri al centro di Huddle, un nuovo format di incontri creato dall’agenzia media Mindshare. Un palinsesto composto da 24 interventi che si sono alternati nel corso della giornata in quattro aree tematiche negli uffici di Mindshare. Hanno partecipato i colossi che stanno guidando la rivoluzione digitale, da Ibm a Facebook, da Google all’agenzia 72andSunny. Ancora, Amazon, Tim, grandi firme del giornalismo ed esperti di public affair che hanno portato la loro riflessione su come siano cambiati informazione e relazioni con i media. Poi rappresentanti della tv e dei grandi gruppi editoriali, oltre ad alcune delle nuove realtà digitali italiana più interessanti. «Huddle è una «non-conferenza»: ognuno infatti ha potuto scegliere quali interventi seguire», ha detto Roberto Binaghi, ceo di Mindshare, «condividendo i contributi di ospiti dalle esperienze più varie, ciascuno dei quali ha portato in Huddle la sua visione del futuro. Un modo nuovo e diverso di fare le cose coerente con la nostra filosofia».

ItaliaOggi

Share
Share