Ciampino, lavori aeroporto: interrogazioni del M5S

Share

Interrogazioni M5S sui lavori dell’Aeroporto di Ciampino

Aeroporto-ciampino“Errare è umano, perseverare è diabolico”.
Ci affidiamo alla saggezza popolare per dare il la all’ennesimo comunicato di denuncia che siamo costretti a pubblicare sul tema dell’aeroporto, sperando sia uno degli ultimi di una lunga serie.
L’Amministrazione comunale, infatti, dimostra ancora una volta poca chiarezza nella gestione della cosa pubblica, mancanza particolarmente grave considerando la delicatezza dell’argomento in oggetto. Nella fattispecie si tratta della totale assenza di trasparenza in relazione ai lavori in corso presso lo scalo aeroportuale ciampinese.
Il M5S non indietreggia di un passo, portando avanti – insieme a varie associazioni del territorio ed al CRIAAC – una dura battaglia sulla questione aeroportuale su diversi fronti: quello nazionale e quello locale.
Il Gruppo Consiliare M5S di Ciampino ha presentato, infatti, una segnalazione ad ARPA Lazio a seguito del rumore provocato dai lavori e al fine di verificare se fosse lecita un’attività che sta creando non pochi disagi ai cittadini che vivono a ridosso del perimetro aeroportuale. Di ieri, la comunicazione che ARPA Lazio ha aperto a seguito di questa segnalazione un’indagine sulle procedure seguite. Unitamente all’interrogazione urgente depositata oggi dai consiglieri Bartolucci, Checchi e De Sisti, la verifica che ci si aspetta dall’Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale dovrebbe finalmente fare chiarezza sulle responsabilità dei nostri amministratori che, sordi alle richieste dei cittadini e noncuranti della regolamentazione di questa tipologia di interventi, hanno dimostrato una mancanza gravissima nei confronti della popolazione ignorando, sembrerebbe, la normativa vigente a tutela della sicurezza e della salute dei cittadini, alcuni dei quali avevano peraltro presentato al Comando dei Vigili Urbani una verifica della correttezza delle autorizzazioni necessarie richieste e delle procedure adottate dal gestore aeroportuale per l’inizio dei lavori. È di pochi giorni fa, poi, la presentazione di due interrogazioni indirizzate al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ed al Ministero dell’Ambiente da parte della portavoce pentastellata alla Camera dei Deputati Arianna Spessotto e di portavoce al Senato tra cui Elena Fattori. All’interno dei documenti si chiede non solo di fare chiarezza sulla natura e sulle finalità degli interventi urbanistici in corso d’opera, sulla nuova conformazione che assumerà la struttura aeroportuale e sulle relative conseguenza di impatto acustico. Si chiede inoltre di riferire sulle motivazioni che giustifichino perché tali lavori non siano stati sottoposti alla VIA, la procedura di valutazione d’impatto ambientale relativa al masterplan dell’aeroporto di Ciampino presentato da ENAC e AdR presso il Ministero dell’Ambiente stesso, nonostante la presenza di decine di migliaia di tonnellate di sabbia e altri materiali accumulati e dell’enorme impianto di conglomerati bituminosi costruito in un angolo della area. Si cerca altresì di comprendere come mai non sia stata esposta alcun tipo di cartellonistica, obbligatoria secondo la normativa vigente, che indichi, in prossimità del cantiere, i titoli autorizzativi per gli interventi di prossima realizzazione.
Contestualmente, il M5S è arrivato alla creazione di un tavolo di lavoro su più livelli istituzionali tra portavoce pentastellati, che vede la partecipazione dei consiglieri romani, ciampinesi, marinesi, della Regione Lazio e delle parlamentari Spessotto e Fattori, uniti nell’intento di limitare e abbattere gli effetti negativi di un traffico aereo fuori controllo sui territori del circondario, riportando la struttura a funzionare entro i termini previsti dalla legge e dalle direttive europee. Oggi, il Comune di Marino a firma del Sindaco Colizza ha spedito al Ministero dell’Ambiente un sollecito sulle osservazioni alla VIA presentate che, ricordiamo, invece la nostra amministrazione non ha ritenuto opportuno presentare. Concludiamo osservando come sembri che il Sindaco Terzulli e la sua giunta dimentichino troppo spesso quanto le criticità legate all’Aeroporto siano di portata tale da mettere in serio rischio la salute della cittadinanza, manifestando una forte incapacità nella gestione del bene sociale, o in alternativa una preoccupante indifferenza nei confronti dell’interesse pubblico.
Per questo continueremo a vigilare ed a combattere, per difendere la salute di tutti e non il tornaconto di pochi.
Il gruppo consiliare M5S e gli attivisti tutti.

Di seguito la lettera inviata dagli attivisti del Movimento

Al Sindaco – Giovanni Terzulli
Al Presidente del Consiglio Comunale – Marcello Muzi
Al Segretario Generale – Dott. Fabrizio Rita

Oggetto: Interrogazione urgente circa i permessi di cantierizzazione dei lavori aeroportuali rilasciati
dall’amministrazione comunale.

Risposta: Urgente SCRITTA .

PREMESSO CHE
In data 22/07/2016 con n. prot. A-2016-25913 veniva presentato un esposto presso il comando di Polizia Locale di Ciampino a firma di 8 cittadini ciampinesi con il quale si richiedeva, visto l’approntamento alla cantierizzazione dell’area, una verifica della correttezza delle autorizzazioni necessarie richieste e delle procedure adottate dal gestore aeroportuale per l’inizio dei lavori; Da venerdì 14 u.s. sono in corso lavori straordinari all’interno dell’area aeroportuale dello scalo “G.B. Pastine” di Ciampino la cui durata si protrarrà, come da comunicati di ADR fino alle 20:30 del 29 Ottobre p.v. senza interruzione 24 ore su 24 e 7 giorni su 7.; I suddetti lavori sono stati oggetto di lamentele da parte della cittadinanza residente in prossimità dell’area di cantiere per i forti disagi causati dal rumore; dall’inquinamento luminoso notturno e dall’inquinamento atmosferico causati dagli stessi;
VISTO CHE
In adempimento alla L. 447/1995 e per gli effetti dell’art. 17 L.R. 18/2001, le attività rumorose temporanee, come i cantieri edili, devono essere preventivamente autorizzati dal comune sulla base delle informazioni descritte nella valutazione di impatto acustico fornite dal richiedente l’autorizzazione; Nei casi in cui si preveda un rilascio di autorizzazione in deroga ai limiti normativi previsti, il Comune è tenuto ad acquisire parere tecnico all’ARPA Lazio indicando i valori massimi di emissioni acustiche e le eventuali prescrizioni atte a mitigare l’inquinamento;
CONSIDERATO CHE
Il sottoscritto Gruppo Consiliare MoVimento 5 Stelle di Ciampino ha ricevuto in data 28/10/2016 nota n. 80955 dall’ARPA Lazio – a seguito del proprio esposto in cui si evidenziava l’inquinamento acustico, luminoso e atmosferico in corso subito dalla popolazione residente a causa dei lavori – con cui si richiede all’amministrazione comunale tutta la documentazione riguardante i lavori in oggetto in quanto non risulta ad essa pervenuta alcuna richiesta di parere tecnico finalizzato al rilascio di autorizzazioni in deroga.

SI INTERROGA IL SINDACO PER SAPERE
★ Quali autorizzazioni sono state rilasciate dall’Amministrazione Comunale al gestore aeroportuale
per i lavori in oggetto;
★ Quali prescrizioni sono state poste dall’Amministrazione Comunale nei confronti del cantiere per
tutelare la salute dei cittadini;
★ Quali interventi di verifica e controllo sono stati intrapresi dal comando della Polizia Locale e
dall’Ufficio Tecnico a seguito dell’esposto prot. n. A-2016-25913 del 22/07/2016 per verificare che
tutte le procedure previste dalla normativa vigente fossero state adottate a tutela della sicurezza e
salute dei cittadini come richiesto dagli esponenti.
Come previsto dall’Art.21 c.5 del Regolamento Comunale visto il carattere di urgenza, si richiede risposta
scritta entro 5 giorni dalla data di presentazione.
Ciampino lì 29 Ottobre 2016
I consiglieri comunali:
Marco Bartolucci Daniele De Sisti Marilena Checchi

Share
Share