Europeo Under 19, Inghilterra-Italia 1-2: doppietta Dimarco, azzurri in finale

Share

Un rigore e una punizione del terzino di scuola Inter decidono la sfida con gli inglesi, a punteggio pieno e già campioni con l’Under 17: finale domenica contro la Francia

europeiunder21Senza segnare un gol su azione, l’Italia è in finale all’Europeo Under 19, vinto una sola volta, nel 2003, con Berrettini in panchina, e in campo Chiellini, Aquilani, Pazzini, e uno che ancora non poteva sapere che sarebbe diventato il più vincente di tutti, Simone Padoin. Contro l’Inghilterra – grande favorita, campione con questi ragazzi già in Under 17 e arrivata in semifinale vincendole tutte – ha deciso nuovamente Federico Di Marco, terzino sinistro appena preso dall’Empoli che ai tempi dell’Inter paragonavano a Roberto Carlos perché segnava come un attaccante, spesso a palla ferma. Un gol su rigore, il terzo in 4 partite, un calcio di punizione nella ripresa, e l’autogol nel finale spaventa un po’, ma neanche troppo: 2-1, e atto finale domenica a Sinsheim (Germania), contro la Francia. Dalla vittoria del 2003, l’Italia aveva festeggiato anche solo le qualificazioni: solamente 3 in 12 anni (l’Europeo Under 19 è annuale), due eliminazioni al girone, e l’inatteso secondo posto di Francesco Rocca nel 2009. Come a dire che la squadra di Vanoli, lasciando spesso l’iniziativa agli avversari, e capitalizzando ogni azione d’attacco, ha già fatto un’impresa centrando la finale (e il Mondiale Under 20 dell’anno prossimo).

BROWN NON BASTA — Il primo tempo è troppo teso per essere spettacolare: l’unica emozione è quella che sblocca tutto, il controllo sbagliato dall’anglo-canadese nero del Chelsea, Fikayo Tomori, che poi si avventa sul pallone per provare a riprenderlo, travolgendo Favilli. Rigore, Dimarco trasforma spiazzando Woodman. L’Inghilterra sembra sempre sul punto di segnare, con la vivacità in fascia dell’incontenibile Isaiah Brown, talento d’origine giamaicana che dopo aver regalato al Chelsea la Youth League 2014-15 è andato a fare il titolare in prestito al Vitesse, il duo d’attacco Abraham-Solanke – pure loro scuola Chelsea – ha referenze eccellenti, ma le linee azzurre sono strette, e la coppia difensiva Coppolaro-Romagna (Udinese e Juventus, il secondo è capitano) non sbaglia un colpo.
Lo speciale sui migliori giovani
In apertura di ripresa Favilli e Panico non riesco ad arrivare in scivolata su un cross basso di Ghiglione, al 7′ il primo angolo per gli azzurri, con Romagna che tenta un complicato colpo di tacco sul secondo palo. L’Inghilterra risponde con una bella azione manovrata avviata da Brown, e rifinita da Maitland-Niles: tiro-cross di Kenny, Abraham ci mette il piede ma la palla si impenna sopra la traversa. Poi il raddoppio, sempre col sinistro di Dimarco, bella punizione a giro, Barella rischia l’autogol su calcio d’angolo, e il neo entrato Ojo impegna Meret da fuori. Minelli, subentrato a Panico, manda in gol Favilli, ma l’attaccante campione d’Italia con la Juventus di Allegri (esordio col Frosinone) era scattato in fuorigioco. L’Inghilterra accusa il colpo, Brown spreca una clamorosa occasione mandando alto di prima intenzione solo in area, ma si ritrova con lo svantaggio dimezzato senza neanche tirare in porta: calcio d’angolo, Romagna allontana di testa, la palla sbatte su Picchi e finisce in fondo alla rete. Non basta: l’Italia, con la miglior difesa dell’Europeo, porta a casa il 2-1. E può cominciare a preoccuparsi per la presenza in finale del terzino bomber Dimarco, che ha lasciato il posto al palermitano Pezzella a un quarto d’ora dalla fine per un fastidio muscolare.

INGHILTERRA-ITALIA 1-2
MARCATORI 27’ p.t (rig) e 15′ s.t. Dimarco, 40′ s.t. aut. Picchi
INGHILTERRA (4-4-2) Woodman; Kenny, Tomori, Oxford, Walker-Peters (86′ Lookman); Maitland-Niles, Onomah, Rossiter, Brown; Abraham (13′ s.t. Ojo), Solanke. (Howes, Taylor Moore, Fry, Ledson, Tafari Moore). All. Boothroyd
ITALIA (4-4-2) Meret; Vitturini, Romagna, Coppolaro, Dimarco (30’ s.t. Pezzella); Ghiglione, Barella, Locatelli, Picchi; Favilli (35’ s.t. Cutrone), Panico (13’ s.t. Minelli). (Zaccagno, Edera, Cassata, Pontisso). All. Vanoli
ARBITRO Reinshereiber (ISR)
NOTE Ammoniti, 59’ Oxford, 90’ Cutrone, 93’ Brown Spettatori, 7000

Gazzetta dello Sport

Share
Share